PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non c'è verso che tenga

Non c'è verso che tenga
a questa nuova Primavera.
Ci vuole del buon letame
avanti l'aratura dei campi
da spargere in abbondanza
prima d'inseminare la terra.

La stagione si è aperta
allungando le ore di luce.
Finalmente si può lavorare
dodici ore di fila all'aperto.
Tutte passate sopra al trattore
o a potare e a "tirar le vigne".

" Ho fretta, metti tutto in ordine.
Prepara che porto nuovi pampini,
nuovi fiori e piante da caricare.
Vuoi grano e frutta e vini deliziosi.
Ti piace raccogliere verdure e miele
ascoltando il canto degli uccelli.

Ma se non ti dai da fare
non c'è verso che tenga
di godere dei miei favori.
Se manchi alla tua parte
non c'è verso che tenga
che l'essere tuo migliori!!"

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Fiscanto. il 23/10/2009 00:36
    bella
  • Pietro Roversi il 04/10/2009 19:26
    Interessante. La Natura e' un'amante avara.
  • Anonimo il 09/09/2009 16:22
    piaciuta
  • Rocco Burtone il 09/07/2009 15:08
    Questa mi piace nella sua semplicità. Grazie e bravo
  • Anonimo il 10/04/2009 10:29
    Mowing

    There was never a sound beside the wood but one,
    And that was my long scythe whispering to the ground.
    What was it it whispered? I knew not well myself;
    Perhaps it was something about the heat of the sun,
    Something, perhaps, about the lack of sound—
    And that was why it whispered and did not speak.
    It was no dream of the gift of idle hours,
    Or easy gold at the hand of fay or elf:
    Anything more than the truth would have seemed too weak
    To the earnest love that laid the swale in rows,
    Not without feeble-pointed spikes of flowers
    (Pale orchises), and scared a bright green snake.
    The fact is the sweetest dream that labor knows.
    My long scythe whispered and left the hay to make.

    Robert Frost
  • Anonimo il 10/04/2009 10:20
    Bella, (la seconda strofa sublime..)sarebbe piaciuta anche Robert Frost. (e duemila anni fa o giù di lì a Orazio..)
  • Anonimo il 28/02/2009 22:13
    Eh, già "non c'è verso che tenga"... se non c'è nulla da mettere sotto i denti! Se non si lavora...
    Bella musicalità. Simpatica!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0