PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Raggio di sole

I cieli erano sgombri,
purpurei veli che facean sorgere
interrogativi sulle stagioni
future.

Un grande artista scrisse:
"L'inverno del nostro malcontento"
ed era giunto, passato.

Foglie cadenti vagavan sulle ceneri
del mondo, su quella civiltà che un tempo
credea d'esser più potente di Dio,
di tutti gli dei.

Silenzio, taccion tutti, tutti i sopravvissuti.

Il mondo sussurra,
le foglie cadenti recitano un balletto
infinito, gli alberi rinsecchiti assetati
di necessità, rugosi, morti quasi.

Quasi morti.

Sangue di animali, uccelli, leoni, coccodrilli,
esseri di ogni razza.
Esseri umani tra i tanti animali.

Foschia. Basse temperature.
Polveri. Distruzione.
Tanta oscurità all'uscita della grotta.
Caldo la notte, ancor più il giorno.

Puzza di marcio, pelle di cadaveri ammuffiti,
putridi stagioni di morte.

Lacrime di consapevolezza
sui volti segnati.

Cosa abbiam fatto?

Abbiam massacrato la Vita,
abbiam torturato questo pianeta.

Lacrime,
sono il raggio di Sole!

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Michele palermo il 28/02/2010 17:01
    Grazie Vallant...
  • Anonimo il 02/02/2010 20:03
    molto bella e ben scritta bravo ^_^
  • Michele palermo il 27/04/2009 00:33
    Esatto... vien proprio da tali considerazioni.. hai colto!
  • Daniela Treccani il 27/04/2009 00:29
    Bella, è ciò che l'essere umano stà facendo lentamente al creato, e ciò che fa a se stesso
  • augusto villa il 28/03/2009 18:23
    Sono d'accordo con Lara... Comunque è una bella poesia... con una chiusa... che lascia parecchi interrogativi... Bello paragonare quelle lacrime al primo raggio di sole... La consapevolezza e la speranza... portano alla rinascita... Bravo.
  • Anonimo il 02/03/2009 00:18
    Ciao Michele,
    triste visione, apocalittica... La catastrofe incombe... paure ancestrali
    Bei versi
    PS Sarebbe perfetta se ne ritoccassi un po' la forma... Ti prego non mi odiare
    Un saluto
    Contessa Lara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0