PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Focus

Sfilo,
dalla fisicità di me,
io essere nudo al cosmo
mi spoglio di ogni più futile decoro alla persona
dai curati dettagli all'immagine del finto plastico
che adorna ed imbellisce al falso.
Calzo,
senza armatura l'animo nella sostanza,
che spiega
e svela l'individuo in fondo
oltre lo schermo commerciale
allevio e sgravo il nervo ottico dalle illusioni
e spanno
dentro l'identità le sfumature,
le mie,
al di la di ogni fittizio addosso,
emergo.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • gianingian. il 03/05/2010 15:28
    medievale armatura cela un animo labirintico
  • tanya belletti il 18/03/2009 22:12
    grazie 1
  • Anonimo il 02/03/2009 21:14
    Meravigliosa.
  • Anonimo il 02/03/2009 17:02
    Piaciuta
    Contessa Lara
  • Nicola Saracino il 02/03/2009 11:56
    Sì. Emerge il frutto caldo da cenere e crosta di bucce, con un linguaggio da temperino affilato. Vissuta. Nicola

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0