accedi   |   crea nuovo account

Girovagando nel mattino

Certe mattine mi sveglio col sole,
mi sento ruscello deciso e impetuoso,
zampillo energia e vendemmio sorrisi,
con due ruote e pedali d'amore
accendo il giorno con cuore gitano.

Arrivan poi le mattine di bruma,
quando oppongo scudi incolore
agli approcci gioviali dell'alba,
e, arricciata in capanne di luna,
affilo duelli fra istinto e ragione.

Incontro infine mattine ondeggianti,
in cui son volubile come farfalla.
Un vento pacato mi chiama e corteggia,
la brezza frizzante mi solletica il cuore,
tentenno fra un iris ed un dolce mughetto,
poi sprofondo in miraggi di porti di luce.

Intanto vivo e coltivo un giardino,
ho fatto macerie di rocche e di torri
confido ogni giorno in un raggio di sole,
che mi parli di fiordalisi e papaveri insieme,
invaghiti del canto frusciante di un sincero campo di grano.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Francesco il 19/04/2009 16:32
    Mi è piaciuta molto. Piena di immagini, alcune in particolare molto belle
  • Fabio Mancini il 03/03/2009 00:14
    Molto bella. Ciao, Fabio.
  • cesare righi il 02/03/2009 21:09
    molto piacevole, spero d'incontrarti nei mattini ondeggiani, anche se non disdegno i risvegli col sole.
    cioa
  • Vincenzo Capitanucci il 02/03/2009 20:46
    Fiordi di elisei... nel rosso-oro... di un sincero campo... baciato da un ventoso raggio di Sole...

    Bellissima...
  • Anonimo il 02/03/2009 20:35
    Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0