PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Spazi

Appagato, di sera,
mi siedo distrutto
Guardo il cielo
e m' interrogo sul Tutto.

 

1
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Tullio il 16/02/2014 23:49
    Molto bello quel contrasto.. paradossale.. tra.. appagato interiormente.. di sera... che parla di fine.. e distrutto.. forse seduto a guardare il cielo... con quel cielo che invece.. fa` cominciare.. l`indagine del tutto... ispirando... e che rimette in moto.. facendo rialzare.. l`anima... per la ricerca... interiore.
  • Anonimo il 05/04/2012 11:59
    capita spesso anche a me,
    piaciuta nella sua
    essenzialità,
    di quasimodiana memoria,
    bravo.

5 commenti:

  • Anonimo il 19/04/2008 00:37
    Meglio non farsi troppe domande...
    A volte meglio far finta di non capire le risposte..
    ciao
  • Antonio Pani il 13/02/2007 18:08
    Mi piace molto. Vedo e sento tutto in quella prima grande parola: "appagato". Mi sembra di respirarla la sera. A rileggersi, ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0