PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Accade

Si.
Accade.
Lacrime taglienti come schegge di vetro,
e poi dolore, e torpore, e ancora dolore.
I sorrisi, la voce e le parole, le carezze e le mani calde,
memoria, vuoto e buio, colori splendenti,
ricordi e foto in bianco e nero, terra brulla ed erba.
Sparisci, ritorni e mi abbracci, mi stringi e mi culli,
canti e zittisci l’aria per farmi riposare…
È notte, ghiaccio, scivolo fra il tempo
e il rumore dei pensieri che spalancano i miei occhi,
grido, ma non ti posso piu’ svegliare…

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 29/07/2010 13:48
    struggimento amoroso o esistenziale? P
  • Anonimo il 07/03/2009 20:16
    forte intensa comunicativa. molto bella.
  • Dolce Sorriso il 03/03/2009 21:05
    mi ha messo un po di tristezza,
    descrivi sensazioni ed emozioni,
    vissute anche da me.
    bellaaaaaa
  • silvia nardi il 03/03/2009 11:26
    così forte che lascia senza parole. bella
  • Riccardo Brumana il 02/03/2009 23:58
    sembra la sensazione che si prova quando si abbraccia una persona a noi cara ormai morta.
    efficace.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0