accedi   |   crea nuovo account

Germinazione

Dove va a finire un pensiero?
si libra comunque peso o leggero
non resta che spoglio e fragile stelo
poi che lascia semenza nauta in cielo.

Vorrei che un seme del mio ricordo
non resti muto al tuo senso più sordo,
che sbocci pur un bel fiore di cardo
pasciuto dai lai di un inquieto tordo.
***
Il tuo posto nel mio mondo:
una scatola piccola piccola, in fondo
a prender polvere senza lenzuolo,
fra le quisquilia del tempo, sul suolo

nel tetro soffitto di travi incardinate allo sterno
dove fulgido sole raggiava... ormai è inverno;
allo scherno dei giorni, ti relego, all'oblio
lo spazio che si riserva al vitello d'oro come folle dio.

Fra le pareti del mio cuore
non sei più tu il Signore
non possiedi la chiave, non apri questa porta
né benvenute sono le parole che ti trascini come scorta.
***
Apro le tende, è primavera
lascio che la luce entri fino a sera
ascolto la nottola e l'allodola
un pensiero parte ed un altro s'invola

uno arriva, attecchisce e sboccia
dove prima credevo solida roccia;
uno plana, si radica e sana:
si leva dalla brulla gleba della tua tana.

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 30/03/2016 12:23
    Un poetar sublime che è già Primavera in piena espansione!

4 commenti:

  • Enola Gay il 29/07/2009 09:22
    Grazie Free Spirit. In realtà, la chimica del mio terreno è poco propensa alle radici, come un terreno spossato che non produce più germogli. L'intera poesia è un sillogismo, non a caso è organizzata in tre stanze, ciascuna come se fosse una proposizione che si condensa nell'ultima quartina: se un pensiero è un seme alla volta del soggetto del pensiero, anch'io divengo soggetto di un pensiero (non mio):un seme che plana, attecchisce e diviene pianta(motivo di pianto).
  • Free Spirit il 27/03/2009 23:31
    Nuova linfa attecchisce nel cuore, libero di emettere nuove radici, che germinano e s'involano planando alte su terre un tempo brulle ora divenute fiorite distese.
    Veramente brava con le rime, mi piace il tuo stile e come scrivi, complimenti CiaoOo
  • Enola Gay il 27/03/2009 21:44
    Grazie, Antonio
  • antonio castaldo il 27/03/2009 21:41
    Si! Mi piace.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0