PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Circo Barnum

Siamo ballerini mutilati
sul palcoscenico della precarietà
con in testa il sogno
della stabilità
mentre chiudono le fabbriche
mentre crollano le borse
mentre chiudono le fabbriche
impazziscono le banche
... e non partoriscono più le bambole

Siamo la generazione
della grande disillusione
diseredati dai domani
costruiamo il nostro futuro
su certezze interinali
sotto nuvole tumorali
e siamo tutti scontenti
sulle nostre comode poltrone
comodamente scontenti
davanti una cazzo di televisione
…e non ci sono più pistole
ma solo sindacati imborghesiti
così le piazze restano vuote
masticate dai silenzi


Abbiamo messo ogni domani
nei sacchetti del discount
e fumiamo sigarette
per non vivere troppo
sfuggendo alla morsa meccanica
del mutuo che ci schiaccia
e mentre paghiamo le tasse
per non prender la pensione
sogniamo il superenalotto
masturbando speranza sterili
per poi venire sulle nostre macerie
e su tutte quelle promesse da portare in discarica
…senza fare la differenziata

Vecchie macchine da rottamare
per correre sulla tangenziale
ma costa troppo la benzina
per perdere altro tempo al primo autogrill
in questi mesi sempre troppo lunghi
per riuscire a fare tornare i conti
tra semafori disoccupati
che continuano a lampeggiare
e treni sempre più veloci
che continuano a non arrivare

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 14/12/2011 13:01
    Sono tanti versi che mi hanno colpito di questa poesia: e non partoriscono più le bambole, comodamente scontenti davanti una cazzo di televisione, in questi mesi sempre troppo lunghi. Sono pensieri profondi e nel contempo metafore di una realtà che non risparmia le fasce più deboli e che nutre una politica elitaria indifferente ai problemi sociali. Al danno fatto e perpetrato dal malcostume secolare dovranno porre rimedio generazioni che verranno dopo la prossima che insieme a questa e alla precedente sono quelle condannate all'incertezza. Speriamo bene. Complimenti per questo testo che ho gradito moltissimo

4 commenti:

  • Anonimo il 03/04/2009 20:44
    Piaciuta, letta e riletta. Condivido tutto...
  • Donato Delfin8 il 30/03/2009 22:45
    Condivido!
    Mi piace
    Bravo
  • tanya belletti il 04/03/2009 22:15
    parole sante! piaciuta
  • Anonimo il 04/03/2009 20:27
    Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0