accedi   |   crea nuovo account

Tu il mio... A Renato Zero

Tu il mio diario del cuore,
portavoce di molti pomeriggi invernali.
Pensiero del mio essere,
schiavo di un amore
ancestrale.
Oasi nel deserto
la gioia di ripensare al
nostro primo incontro.
Come briciola di poesia
che aveva violato l'identità
del poeta, guardavo
i tuoi occhi che accendevano
nei miei luce di un tramonto
di stelle.
Angoscia nel cuore ribelle
di cristallo,
di una ragazzina adolescente
che vi era in lei
così tanta emozione
nell'ascoltare il tuo canto.
Misterioso sentimento il mio,
che mi riempiva
i pensieri.
Avevo scelto di rifugiarmi
in te come amica... tu
il mio diario del cuore,
in quelle lunghe notti
di solitario cantare.
Ora sono cresciuta,
grande diventata
e una poesia
a te ho scritto
"Tu che guardi me"
ed un applauso a te dedicato,
mio cantautore da sempre
amato.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 05/03/2009 16:07
    Il segreto della scrittura poetica si intreccia con l'alchimia della creatività e col mistero.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0