accedi   |   crea nuovo account

Buio pesto

Il tuo silenzio
è di parole mutilate,
orrendo eco di piombo
tra mascelle serrate.
Stagna la fronte bianca
su rotule dolenti,
e fissa è l'iride
della tua palpebra.
Come un tormento
il sibilo
della tua lingua asciutta,
che affila l'ombra
del dente avvelenato.
Mentre rantola il midollo
della tua coscienza,
tra violini stridenti
come capelli
arrugginiti.
Non mordere
la mia pietà.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 01/05/2011 07:49
  • Anonimo il 15/03/2009 22:21
    MMMMmmmmm...
    mmm.. mumble mumble..
    somma di idee, parole affilate e ben selezionate. mancac l'amalgama.
    niete male.
    Max
  • loretta margherita citarei il 13/03/2009 08:02
    bella
  • stefano manca il 06/03/2009 15:44
    parole mutilate... eco di piombo... fissa è l'iride della tua palpebra... Non mordere la mia pietà...
    molto piaciuta, bella scelta di parole.
  • laura cuppone il 05/03/2009 23:19
    molto interessante... poche rime sparse... intuito e acute metafore.

    piaciuta!!
    ciao tanya

    Laura
  • tanya belletti il 05/03/2009 18:57
    grazie bruno.. tengo al tuo giudizio, ciao
  • Anonimo il 05/03/2009 18:54
    Bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0