PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

la freccia

come una rasoiata
l'individuo si fa unità separata dal tutto
e perdendo la protezione
trova l'angoscia della solitudine silenziosa
che gli morde la carne
e gli fa sanguinare gli occhi
inutilmente
cerca ristoro nel cibo
e calore nel sesso
nell'attesa
a volte frenetica
di ritrovare
il dolce aroma di casa
cavalcando senza sosta i destrieri
a volte triangolari
oppure a cubo
che la mente abilmente sa costruire
dimenticando che il tutto non ha forma
e così inevitabilmente mentre precipita
non può comprendere
quella strana assenza di forma
del vuoto.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 20/03/2009 08:24
    Leggerti è sempre un sottile piacere, non voglio rinunciarvi,
    perciò continuo. Molto bella.
  • laura cuppone il 05/03/2009 21:03
    l'assenza di forma del vuoto...
    sembra mia...

    bellissima!

    Laura
  • Anonimo il 05/03/2009 19:40
    Bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0