username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il Mestiere

Ha lunghe ciglia scure incurvate perfettamente
llimpidi occhi verdi macchiati nell'iride non so da quale terrore.
Nessun bagaglio.
Un biglietto in tasca.
Una cartina di una grande città e nient'altro che se stesso.
Ancora il viso segnato dall'innocenza, roseo, la pella luminosa di bambino.
Occhi mobili, sempre all'erta.
I miei invece si socchiudono cullata da questo treno che mi sta portando a casa.
Mi impongo di non cedere e lo vedo affondare nel seggiolino per lui ancora troppo grande.
Mi chiedo quanto ci metterebbe a fottermi il bagaglio se solo volesse.
Si, esattamente, a fottermi il bagaglio.
Si, cinica.
Cattiva.
Senza nessuna pietà.
Esattamente come lo sarebbe lui, seppur angelico nei suoi sei/sette anni, ma sempre un ladro. Rubare: ill suo mestiere.
Senza pensare troppo.
Solo prendere e scappare.
È la sua condizione, quella che gli è stata assegnata, il suo percorso predefinito.
Un viaggio tutto compreso.
Fatto di giochi interrotti, sorrisi cuciti, lacrime indotte, coraggio forzato.

Mentre dorme continuo a guardarlo.
Le sue piccole mani... rapide.
Indolori, che non lasciano traccia.
Eppure è SOLO un bambino.
SOLO un bambino.
SOLO non sa più di esserlo.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • augusto villa il 14/05/2009 14:01
    Un bel testo... ma più prosaico che poetico...
    Potrebbe diventare poesia... con un po' di pazienza... per via della metrica... e della musicalita'...(quest'ultima non obbligatoria... ma sicuramente ben gradita)... Comunque il testo è buono.
  • Aldo Occhipinti il 21/04/2009 20:21
    piaciuta
  • Nicola Saracino il 22/03/2009 00:30
    Un bambino sa rubare. Ruba come sa fare un bambino. Traspare commozione, è un bel testo in prosa.
  • Anonimo il 13/03/2009 11:07
    Un bambino SOLO.
    Ma già perfettamente integrato nella solitudine.
    Gli permette tutto. Puo avere tutto.
    Sempre un gradino sopra, Deb, complimenti. Occhio a non scivolare, per salire sul mio però!!! hahahahahahah!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ciao
    Max
  • Dorian Di il 07/03/2009 23:25
    Perfettamente a metà tra prosa e poesia.
    Perfettamente a metà tra bambino e non bambino.
    Perfettamente a metà tra gioco e mestiere.
  • silvia nardi il 07/03/2009 18:52
    bella, complimenti!
  • laura cuppone il 07/03/2009 17:31
    davvero bella.

    Laura
  • Anonimo il 07/03/2009 12:11
    Bellissima... senza fiato!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0