username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Anna insegnante

Anna insegnate
nel suo mondo non perfetto
soprattutto non ricco
sapeva non sarebbe arrivata
fare il giusto per il bene.
Anna era nata cosi
già senza il coraggio
Ma sapeva carezzare.
Correre dietro le nuvole
Sentiva la sera anche lei
Il vento sul viso
Sorrideva.
Anna aveva il cuore d’amore,
Divino.

Hanno costretto Anna
assaggiare i sapori senza nomi.
Anna senza coraggio
non sapeva dire no.
Hanno costretto Anna
bere fino il suicidio della sua coscienza.
Anna schiava della sua lingua
Un giorno ha perso il suo lavoro
Sobria non più uscita lei,
Il suo sangue,
sapeva dopo come dell’acqua.
Anna ha perso tutto.
Il suo corpo e anche sua stanza di tre metri
Il suo orologio, occhiali e vecchio letto.
Anna ha lasciato il mondo
Poi però ha dimenticato di portare via
Le sue carezze e amore.
Pregare per la sua anima dolce,
sentire ancora oggi,
Anna valeva molto di più
è suo figlio.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 07/03/2009 20:40
    Piaciuta.
  • laura cuppone il 07/03/2009 17:26
    bellissima raju... una dedica triste.. un ricordo.

    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0