accedi   |   crea nuovo account

Aspettando la sera

Appoggia il primo passo del mattino
sul vuoto ancora addormentato e,
già aspetta la sera.
Nell’affanno del via vai del giorno,
si china e si alza,
si compone,
come le cose che le stanno intorno,
ma comunque,
attende.
Cammina quasi saltellando
tra le lancette del tempo e a volte,
inciampa in un attimo che fugge,
altre cade,
dentro un barattolo di nulla.
Dal vetro trasparente,
guarda il mondo fuori e,
scopre un mondo dentro.
La donna attende,
sempre,
ma in movimento,
perché solo passando
riesce ad afferar la sera.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Massimo Tusa il 09/04/2009 13:51
    Stupenda introspezione, è un bel mondo, il vostro. Potessi afferrarlo come la sera!
    Bellissima
    Ciao
    Max
  • ANNA MARIA CONSOLO il 09/03/2009 10:13
    Grazie a tutt'e due... un bacio Anna
  • tanya belletti il 08/03/2009 11:41
    il tempo si è fermato.. ma il mondo continua a girare, bella
  • Dolce Sorriso il 07/03/2009 23:54
    bella poesia e dedica a noi donne
    grazie di cuore
    un abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0