PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il ciclo di una Donna calpestata dove l’uomo si scava la sua fossa

Il più dolce profumato gemma-fiore-frutto-seme dell’albero della vita
se non colto nelle sua matura fragile infinita deliziosa essenza
Cade
Amareggiato
Calpestato
Raggirato
Violato
Infangato
Dilaniato
Sotterrato
dove l’uomo si snatura dal suo bene più prezioso
l’Amore sincero di una Donna

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anna G. Mormina il 08/03/2009 19:02
    Vincenzo, mi hai lasciata senza parole...
    ... la tua dolcezza è infinita!... un forte abbraccio!
  • Anonimo il 08/03/2009 13:30
    L'incapacità di amare e di lasciarsi amare è l'amputazione della parte migliore di noi stessi.
    bella poesia
  • Marcello Caloro il 08/03/2009 12:42
    Una delle più belle dediche alle donne, redarguendo gli uomini. Bravo. Ciao.
  • tanya belletti il 08/03/2009 10:16
    Grazie per questo dono, la metterò nei miei ricordi
  • Domenico Montaleone il 08/03/2009 09:29
    Proprio vero!
  • Donato Delfin8 il 08/03/2009 05:16
    Bellissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0