accedi   |   crea nuovo account

Poesia.

Poesia ecco cosa sei
Dolce e gentile,
amica, nemica
la più terribile e agguerrita,
ma è la grazia, che ti rende
unica,
I tuoi fianchi, cosi prorompenti
Mi hanno sostenuto nel grembo,
fino a quando non ho visto la luce,
da tuoi seni ho bevuto nettare,
che mi ha mantenuta in vita,
tra le tue braccia, ho consolato il pianto,
ma è l’amore che mi hai dato
che ti ha fatto mamma,
hai formato la tua famiglia,
hai accudito i tuoi figli,
delle loro gioie ti sei nutrita,
ti sei mantenuta viva,
adesso è arrivato il momento,
di pensare un po’ a te stessa
e ricordarti che meriti rispetto,
ma ahimè, il tutto va ancora conquistato,
insieme però, c’è una speranza,
che non cessa a mancare,
perche siamo donne più che mai!

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • augusto villa il 21/06/2009 21:06
    Bella... anche se (personalmente) avrei limato un po' di piu'... in modo da aumentarne l'intensità... Ma comunque è un'opinione personale... e la poesia mi è piaciuta lo stesso... Brava!
  • Cinzia Gargiulo il 25/05/2009 10:03
    Sì, siamo donne più che mai! Ognuna di noi prima di essere figlia, moglie, madre è prima di tutto donna.
    Bravissima Antonietta!
    Baci...
  • Riccardo Brumana il 08/03/2009 23:48
    una bella dedica.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0