accedi   |   crea nuovo account

A Giorgia

Perso tra buie lande desolate
d'un mondo che mio non è piu'
Avvolto dall'aere freddo e spietato
che riesuma follia da tempo sopita

Poi solo pensieri, e parole non dette
che turbinando nella testa
s'infrangono tra loro inesorabili
come flutti d'acqua d'un mare iracondo

Cosi' freddo fuori che tutto ghiaccia...
Cosi' freddo dentro che tutto brucia...

E dirti cosa potrei?
Se non di come l'amore
che in fondo a me giace
trovi in te il suo perfetto rogo

Parlarti di cosa?
Se non di quanto l'anima mia
ridursi a folgore vorrebbe,
e adagiarsi poi
sulla culla delicata dei tuoi palmi,
Irradiandoti il viso.
Fino ad estinguersi.

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 31/07/2015 12:11
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua bellissima.

3 commenti:

  • Anonimo il 15/05/2011 10:37
    Melodiosa e ben accorpata
    Esprime tutto il desiderio quasi a sentirlo
    che si prova dell'amore passionale.
    La trovo bellissima. Un saluto.

    S
  • Anonimo il 13/03/2009 13:33
    mi piacciono molto le immagini evocate, traspare il tormento e l'angoscia e la sensazione di freddo.
    molto bella
  • Anonimo il 09/03/2009 22:10
    Io per fortuna non conosco questo male ma, ti prego, parlami.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0