accedi   |   crea nuovo account

carnevale

Venezia
oggi segue il ritmo incerto
dei miei tacchi
che rimbombano nella notte
su tappeto di coriandoli
colorati.
voci stridule d'uccelli bianchi
ormai sovrani,
danno un tono alla mia musica.
alla fine del buio tunnel l`acqua
brilla di stelle,
sotto a palazzi
firmati d`ancestrale.
prosegue la marcia
sui tasselli d'un puzzle di pietra.
che strano.
canti africani rimbombano nell'oblio...
e sorde risate
e frasi moleste
e
parole straniere.
in queste notti
identita' comune.
come i sovietici.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • c m il 15/08/2010 13:11
    grazie mille augusto, anche se con più di un anno di ritardo
  • augusto villa il 14/05/2009 16:15
    Complimenti per le immagini... e i suoni...
    Forte il sentore... Brava!
  • Anonimo il 09/03/2009 15:31
    Ciao, devo ribadire quanto da me espresso nella tua 'Se muoio ora'...
    I nostri gusti per il momento non coincidono, sorry...
    Credo che per un po' mi asterrò e non 'deporrò' più il mio pensiero alle tue (per te non sarà sicuramente una grossa perdita)

    Do Svidanija
    Contessa Lara
  • c m il 09/03/2009 14:58
    dunque se fino alla fine ho cercato di trasmettere tratto di sogno, nel tornare a casa in una venezia vuota ed in qualche modo di condividere quel bello che c'e' nella fine dell'ennesima serata carnevalesca, la fine e' come dev'essere, anche se non l'avete apprezzata purtroppo non posso rivederla, perche' e' il fulcro di tutto.
    come dicevo sotto, il brusco risveglio, dopo i bei pensieri, il risveglio nel rendersi conto che in quell'occasione, in quelle circostanze festose, identita' comune, crudamente e per sottolinearne la durezza, come i sovietici.
    grazie dei complimenti in ogni caso, ed e' giusto cosi', ognuno coglie e prova qualcosa di soggettivo nel leggere una poesia.
    buonagiornata
  • c m il 09/03/2009 14:20
    grazie a tutti
    la poesia equivale ad un brusco risveglio.
    magari con più calma spieghero' meglio
  • M. Cristina Tacchini il 09/03/2009 08:47
    Molto bella. D'accordo con Fabio, la chiusa toglie fascino alla poesia. Complimenti comunque! Buona giornata.
  • Fabio Mancini il 09/03/2009 08:39
    Bella poesia e gradevole lo stile. La chiusa però, non mi piace. Fabio.
  • Vincenzo Capitanucci il 09/03/2009 07:54
    Tacchi a spillo... in un sovrano ancestrale bianco.. d'un mosaico universale... Venezia affonda... liberandosi nel volo.. d'un comune bene...

    Sei sempre Tu... c m.. il genietto smascherato nella lampada di un Carne-vale...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0