accedi   |   crea nuovo account

Popolo 'e Dio

Piangete, piangete, battetevi il petto,
se ancor l'avete un po' di intelletto.
'O popolo 'e Dio non ha più coscienza,
l'aveva, l'ha persa, s'ha fatta levà.

Chissà, s' è distratto, per poca accortenza,
magari l'ha fatto per sua negligenza,
ma, 'o vero, è che l'anema fresca 'e 'na vota,
se la so' venduta, pe' quattro denare.

A màchena, a casa, 'o posto pà figlia,
son cose importanti per una famiglia,
ma quando le ottieni illecitamente,
le paghi tre vote, co' sangue d'a gente!

Allora dai spazio alle bestie feroci,
ca comm'a nu cancro te magnano 'o core.
"Camorra e Croce" e nu jescì fore,
ca l'annema toia, fastidio, 'nce da!

Da ommo a pupazzo ti sei trasformato,
tu, Popolo 'e Dio, ca Dio t'ha lassato!
T'ammorbano l'aria, la terra, la mente,
t'accireno 'nzino e nun dici niente!
Po', vai ricenno ca nun hai pagato...

Ma comm'e, dich'io, si' ancora all'oscuro?
Tien'a munnezza fin'a dint'o lietto
e ancora, 'unn affiuri, dint'a l'intelletto,
che TU, sei l'artefice, del tuo futuro.

"So tutt'e ladrune. O mèglio è fetente"
Dite: "Lo stato non ci da lavoro.
Nui avimma campà, nun vulimme consigli..."
E vi vendete il futuro dei figli!

Per chi la campate stà vita da cani?
Per far da zerbini alle istituzioni?
Marce, colluse a violenti padroni.
Quattr'ossa vi scendono dalle loro mani!

Pigliate curaggio, 'un avite paure,
spezzate 'e catene 'e sta tirannia.
Tenite cuscienza? Tiratela fore,
ca' forse è già tardi pe' 'nbarcà sta' via.

Dicite: "Embè? Allora che faccio? "
Mo' vo' dich'io, vui nun'ce penzate.
Nun c'è bisogno d'e pistolettate,
ca stu 'nemmico, nun tene curaggio.

12

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • aleks nightmare il 04/12/2009 11:12
    Bellissima!!!
  • Anonimo il 22/04/2009 01:39
    ottima poesia; . Davvero bella nella sua cruda verità. Romeo.
  • Pablo X il 02/04/2009 15:00
    bravo, bella poesia di denuncia, anche origniale nella forma espositiva
  • tanya belletti il 10/03/2009 16:07
    piaciuta tantissimo, molto vera
  • Carlo Capossela il 10/03/2009 09:22
    Grazie 1000, Sabrina.
    Il tandem italiano/dialetto napoletano è proprio voluto.
    Purtroppo mi accorgo io stesso che la differenza non è proprio marcata.
    Avrei voluto usare termini dialettali più arcaici, i quali, però, richiedono una ricerca glottologica che ora non riesco a fare.
    Ti ammiro molto.
    Ciao.
    Carlo.
  • Anonimo il 09/03/2009 22:15
    Bellissima, parole sacrosante. Bravo
  • sabrina balbinetti il 09/03/2009 21:45
    Una vera denuncia la tua con la D maiuscola. Molto ben strutturata e pregna di argomenti (ahinoi)... cari a tutti gli italiani!
    Forse hai ragione quando dici che ormai tutti si sono adagiati su questa insana situazione, trovando e accampando scuse per giustificare gli interessi privati.
    La poesia è molto bella e io adoro il dialetto napoletano ed è per questo che ti consiglio di sostituire alcuni termini in italiano con un napoletano verace.. tipo:
    chiagnete, chiagnete... al posto di piangete piangete(se il tandem con il dialetto e la lingua italiana è voluto perdonami!).
    Comunque continua con le tue poesie sei in gamba.
    ciao sabry

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0