accedi   |   crea nuovo account

Io, ermetico...

La mia solitudine invoca
la consuetudine di dover reagire;
e lasciar agire
quegli attimi silenziosi
che il vento
coglie inconsciamente al di là
del proprio fluire…

Sudo parole fredde
chiuse nelle vostre menti,
o voi altri che guardate,
e lascio intendere le mie chiusure
con molta semplicità…

Venite qui se disperati siete
come lo sono io.
Chiudetevi con me e
in compagnia, e
sospiriamo in gruppo la morte,
che mai verrà,
se mai verrà intesa
la voglia di vivere…

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • laura cuppone il 09/03/2009 23:51
    sempre una sospensione
    sempre tra l'oscuro e la luce
    diffidente
    e triste...

    piaciuta

    Laura
  • Riccardo Brumana il 09/03/2009 23:23
    dialogo con il lettore. mi piace.
  • Anonimo il 09/03/2009 23:19
    Piaciuta
    C. L.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0