accedi   |   crea nuovo account

Delirio?!

Cocci di vetro, calpestati dal gigante,
dal corazziere, notturno, alato.
Vola (non lo fa notare),
calmamente, non senza passione,
ma ardente in volto;
ardito, focoso, arrembante.
Il panegirico del delirante!
Lo sparviero notturno plana,
non senza rumore (ali semi-spiegate)
disposto a sballottare,
a raggirar la preda astuta,
sentimentalmente appagata…
non senza clamore (rumore!)
Autunnale, stagionalmente
incompreso dalla moltitudine,
sghemba, reclinabile (non supina),
dovizioso d’idee stralunate,
calme, silenziosamente stuprate
(come in un quadro di Picasso
confusamente; atmosfera onirica),
labilmente sconclusionate.
Era un delirio (non orchestrato),
era sbadata follia (non orchestrabile)
nel guado notturno.
Intanto udivo una finestra
ma lontano, lontano (circa 10 miglia),
poteva indicare (forse!?) la soluzione.
Senza interruzioni, ma stancamente,
aveva scuro in volto (coperto sì,
ma non oscurava il tutto),
e così l’estirpai dal fondo,
(era tipo messaggio in bottiglia
ma ben incastrato, quasi inestraibile);
lessi (in fretta…lentamente poi),
e io (scosso come cavallo in briglia)
all’istante non capii, non afferrai il senso
… si trattava…
… si trattava di:
delirio?!

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 29/01/2012 10:00
    Ben vengano questi deliri, che tali non sono.
  • Vincenzo Capitanucci il 08/09/2008 09:21
    Stupenda lucidità... in guado notturno... da bottiglia... estraibile...
  • EKIPS _ il 13/09/2007 02:44
    ..
    .. delirante!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0