accedi   |   crea nuovo account

La ragnatela nella nebbia (11 marzo 2009)

Improvvisamente
mi ritrovo velato di tristezza
come su un palco...
dove si spengono le luci
quando la voce si arresta...
la forza si lacera di fragilità
e ti senti ovattato
nello smarrimento...
con la gioia
che ti guarda da lontano
con distacco...
e ti volta le spalle indignata
per essere di nuovo inseguita
con più veemenza.
La folla che ti circonda
è troppo rumorosa
per accorgersi
del tuo lamento sordo...
e ti chiede
cercando nei tuoi occhi..
la via per sognare
quando le tue visioni
dormono per dimenticare...
e le tue lacrime
sono fatale nebbia.
Vorresti carezzarti il cuore
di un sorriso cullato
da ciò che desideri...
ma sulle tue spalle
ragnatele
imprigionano le tue ali..
e ti senti svuotato
come vagabondo senza meta
in un castello di gioielli
che brillano della loro solitudine...
custoditi da ciechi guardiani
che ti vietano l'ingresso...
e si stringono avidamente
al miserabile forziere
di friabile ricchezza...
vivida di povertà.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Rik Forsenna il 12/03/2009 23:52
    Grazie Sophie & Aurora!
  • Anonimo il 12/03/2009 10:58
    .. molto sentita Rik.. un abito che spesso mi sento sulla pella..
    un sorriso a te
    Aurora
  • Anonimo il 12/03/2009 10:33
    Quanto dolore si avverte... immagini forti di un cuore sofferente... bellissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0