accedi   |   crea nuovo account

L'ultimo metrò

Hai già scritto
la tua condanna,
ergastolano
di una vita perduta,
scegli
la sedia elettrica
ammutolisci
la mente,
tua carnefice
da sempre.

Rossa
come la tua passione
per la vita
che non hai mai capito,
non è importante
in quale direzione,
ti preoccupi solo
che non ci siano
occhi innocenti.

Sembra
tutto perfetto,
c'è solo chi frenetico
non s'accorge già di te,
valigie per chi torna
chi parte,
la vita non si ferma
e mai lo farà.

Vedi
le luci avvicinarsi,
paralleli i ricordi,
scorre il tuo tempo
nella solitudine del tuo cuore,
inutilmente
ti soffermi a cercare
cosa hai sbagliato
quando, perché, come, dove
una lacrima
saluta chi,
forse, sicuramente
(forse no!)
si ricorderà di te.

In questa vita
credi di non essere mai stato
il primo attore
ma una semplice comparsa,
di una trama
senza un chiaro significato,
senza un copione
ben tradotto,
ma solo unici ciak,
irripetibili.

Chiudi gli occhi,
lì riapri
vuoi goderti quest'ultima farsa,
che ti libererà
dal tuo fardello,
sarà solo un attimo,
l'ultimo ciak,
t'abbandoni.

Addio.

 

l'autore Donato Delfin8 ha riportato queste note sull'opera

Prosa del 10 3 2009.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/02/2014 12:17
    L'addio ci sta proprio bene in fondo. Tanto non si riceverà risposta dopo!

11 commenti:

  • Donato Delfin8 il 07/07/2009 19:12
    grazie Katiuscia.
  • katiuscia seimporta il 07/07/2009 11:32
    bella... dolce morte... accettazione della tragedia surreale che viviamo... triste...
  • Donato Delfin8 il 15/03/2009 14:29
    grazie per i commenti
  • Cinzia Gargiulo il 13/03/2009 22:14
    Bellissima, tristissima... quasi agghiacciante!... Sembra di vedere il momento della tragedia.
    Bravo come sempre.
    Un bacio.
  • Anonimo il 13/03/2009 19:06
    Si... da il brivido!!!
    bellissima...
  • Dolce Sorriso il 13/03/2009 13:52
    brividi wow...
    un abbraccio
    Anna
  • Marcello Caloro il 13/03/2009 13:45
    Nel teatro della vita, essere protagonisti è riservato a pochi eletti. Destinati a restare sconosciuti, ad implodere nel nostro inconscio, ad essere incompresi... Eterne, semisconosciute comparse. Tristemente vera. Ciao.
  • Anonimo il 13/03/2009 13:35
    molto bella e profonda.. Aurora
  • Anonimo il 13/03/2009 12:42
    Grazie a te del tuo ultimo commento.. in effetti il mio esperimento mitologico è piaciuto!!
  • Donato Delfin8 il 13/03/2009 01:12
    grazie Sophie... fedele amica
  • Anonimo il 12/03/2009 11:50
    Sempre spledido Donato... tema difficilissimo, trattato con grande sensibilità... bravò!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0