PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'Amore, eterno pellegrino...

L'Amore parte ogni giorno vestito di un saio,
non vuole né merletti né ori chiassosi,
ma solo quel libro avvolto in scarlatto
delle anime perse sui meridiani del mondo.

Se incontra una donna senza stelle negli occhi,
che sia al Polo o all'Equatore,
ne inverte la rotta verso un uomo smarrito,
al quale qualcuna la luna oscurò,
e con pietruzze imbevute di luce,
arguto punteggia i loro cammini.

Se incrocia un uomo
assottigliato dal canto di una sirena stonata di cuore,
prontamente lo imbarca verso lidi sinceri,
fra capanne e falò di sempre acceso tepore.

E continua a vagare col bagaglio di sogni,
e ne riempie i cassetti svuotati
da naufragi di speranze e illusioni
e da marosi con artigli ancor vivi.

Sui davanzali accecati dal buio,
adagia una rosa rossa e cinque strofe d'amore,
perché egli sa che nessun anima mai è spenta
a quel fremito anziano e bambino,
che sempre gli umani ha fatto volare.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Donato Delfin8 il 13/03/2009 01:06
    MOlto bella.
  • Vincenzo Capitanucci il 12/03/2009 11:38
    Parte in Saio... ed arriva nudo... per farci in fremito volare...

    Bellissima... Cristina...
  • Anonimo il 12/03/2009 11:25
    bello quest'amore pellegrino.. che adagia una rosa e 5 strofe.. perche nessuna
    anima e mai spenta a questo eterno fremito..
    aurora

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0