PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

er vecchi amico mja

Pochi jorni fa, ietti a la città mja,
quanno lungo a via,
vedo nu bell’ome salutamme da luntano
e jo fatto ciao co a mano.
Me se avvicinato
e solo allò, ho arconosciuto,
er vecchi amico, de tantu tempu fa,
quanno a scola se duvia annà.
Dopo essece salutati come convene,
a pranzo semo iti assieme.
Mentre ce s’arcontava de a nostra vita,
ma dittu na cosa che m’ha corpita.
Me fa:”quanno ei bella, amica mja,
er corpo, er viso tuo, ereno na magia,
du cosce fatte a perfezione
e quanno passavi se giraveno e persone.
O sai che de te ero tanto innamorato,
mai te l’ho dittu, ho sempre taciuto.
Ero timido e me pijava a tremarella,
pensavo che na femmina cuscì bella,
nun me piasse in considerazione,
me mittivi soggezione.
E quanno te si sposata,
credeme, ho avuto na cortellata,
che m’è ita fino a drendo er core,
pe avè perso te, che chiamavo amore.

Mò ce stemo anvecchia
tu cia che ruchetta, ma ancò si bella,
ciai er fisico de na pischella.
Come te vurria bacià,
strignete forte ar petto
pe ditte e parole che mai t’ho ditto. ”
Me so sentita n’emozione,
nun me spettavo sta rivelazione,
cuscì all’amico je risposi:
“Amico mjo, armanemo come stemo,
se poi se finisce a letto?
Dopo, po esse che finisce tutto,
l’amore, a vorde, nun cià der sesso bisogno,
stò incontro, deve armanè nu sogno.
So anni che nun sento più dorci parole,
oggi m’hai riempito er core,
a na femmina fa piacere,
sentisse dì, te vojo bene. ”
Na carezza a lue, ho dato,
ma fatto piacere sapè,
che di me è statu innamorato.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Grazia Denaro il 21/01/2012 02:10
    Molto bello l'incontro con un vecchio innamorato che neppure sapevi, t'ha fatto piacere e l'hai descritto molto bene, brava Loretta!
  • Anonimo il 13/03/2009 21:53
    poeticamente bella. ciao salcod
  • loretta margherita citarei il 13/03/2009 17:24
    ho voluto ricordare quell'incontro, come una favola, anche perchè quella persona non è libera. non mi avventuro in storie, che illudono nell'attimo ma che poi lasciano l'amaro, non per timore, caro caloro, di mostrare il corpo.
  • Anonimo il 13/03/2009 16:37
    Piaciuta.
  • antonio castaldo il 13/03/2009 14:27
    un banalissimo incontro a volte può sembrare un fatto... piccolo... piccolo... piccolo
    poi descritto in un certo modo... dal cuore.. diventa un fatto... grande... grande... grande
    a me personalmente è piaciuta veramente... tanto... tanto... tanto...
    se ci aggiungi che trasmette emozione è superfluo aggiungere... brava... brava... brava
    è uno di quei pezzi dove per rendere giustizia è giusto moltiplicare gli elogi x tre
  • Marcello Caloro il 13/03/2009 14:07
    È molto bella. La gioia d'esser corteggiata ed amata segretamente; il timore di rompere l'incantesimo teso dal cuore, con il concedersi fisicamente. Fose anche il timore di scoprire altre rughe: con gli occhi dell'amore il tempo non passa. Ciao.
  • augusto picci il 13/03/2009 13:01
    Ci volevano le tue parole per amorbidire il cuore di un vecchio lupo. Piaciutissima. Ciao, Augusto.
  • Donato Delfin8 il 13/03/2009 11:16
    Molto saggia!
    Bella. un saluto.
  • tanya belletti il 13/03/2009 10:00
    rinnovo i complimenti per lo stile! simpaticissima chiacchierata
  • loretta margherita citarei il 13/03/2009 09:05
    chiedo scusa ai lettori, per un errore di trascrizione, il titolo è er vecchi amico mja
    e qua e la vi sono imprecisioni, colpa di quando non metto, ahimè, gli occhiali.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0