PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sognando nel Tuo seducente corpo universalizzante

Appena sceso dall’aereo sognante dei miei sogni
ho chiesto subito di Te

“Non si sa più niente di Lei e sparita da un tempo indefinito” mi hanno risposto

“Impossibile”” ho risposto io atterrato atterrito in un attimo attonito di grande smarrimento

Ho riacceso subito i miei fari roteanti anti-nebbia

Due piccoli occhi immensi fra due universi

Tutto quello che vedo fuori di me è dentro di me

In una mia lacrima sgorga la sorgente di un lago di luce
in un sorriso un piccolo pane di sfamante Amore

in uno starnuto un terremoto

Ti ho scovato eri lì piangente sorridente nel tuo isolato solitario cielo di diamante calpestata sotto il mio piede al-luce
credendo di essere stata abbandonata su un’isola fuori dal mondo per sempre

Ti tendo le mie due mani protese per rialzarmi in Te in un per sempre eterno inesistente-esistente

devo assolutamente trovare un manuale di amorevoli istruzioni per evitare alla mia incoscienza di nebulosa dalle turbolenze spiralizzanti-paralizzanti di provocare ancora nuovi disastri che potrebbero rivelarsi alla lunga irreparabili anche per una stanca divina amante troppo tollerante con me in Provvidenza

ormai Ti Amo senza fare più domande!!!!

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Grazia Denaro il 01/02/2012 00:13
    W l'amore...!
  • Anna G. Mormina il 15/03/2009 11:39
    ... amare senza fare domande... wow!... è meravigliosa... eee... eccìììììììììì!
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/03/2009 18:59
    Non si sa mai con precisione quando Capitanucci scherza o fa sul serio, sta di fatto che affascina e spesso commuove.
  • giuliano paolini il 14/03/2009 15:11
    tutto questo trafficare per trovare un seno abbastanza adeguato finisce per farci perdere gli incontri che potrebbero aiutarci a proseguire nella nostra evoluzione
    perche' magari la compagna o il compagno di tante vite passate ci scorrono avanti o indietro nel tempo e ci troviamo un po' più soli.
    poi succede in un lampo che ti appropri di tutta la responsabilita' di chi sei e dove vai ed allora comprendi senza la ragione che qualcosa di più grande di noi e' come un alimento comune, la sorgente che come avrai visto il nostro messner ha beccato
    e ce la porta a noi tutti i giorni nei supermercati in bottiglie da 1. 5 o 2 litri
    e si chiama altissima purissima levissima
    vai capitano che anche se tenti non sei poi cosi' serio
    un abbraccio sincero
  • giuliano paolini il 14/03/2009 15:02
    a volte si ha come l'impressione di essere in ritardo o in anticipo
    riflettevo proprio oggi sulla situazione paradossale che una anima in procinto di incarnarsi in un corpo deve vivere.
    piu' una anima e' evoluta e più diventa difficile trovare una madre chimicamente giusta per potere esplodere, perche' come forse sai i primi anni sono fondamentali per la formazione e se anche arrivi da esperienze passate buone se non ottime la vita nuova cancella in modo importante i ricordi pregressi e i primi tempi se ti trovi con una madre non esaltante dovrai poi faticare assai per trovare infine lo spazio giusto per poter esplodere in tutta la tua poca o tanta grandezza.
  • Annamaria Ribuk il 14/03/2009 13:32
    ... la cosa più bella... Amare incondizionalmente... semplicemente Amare...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0