accedi   |   crea nuovo account

Invece

E torno dopo la morte apparente
sotto la neve

Un sonno fatto di spasmi
più o meno
leggeri,

più o meno
esaltanti

Gomorra
è stata mortale
per le piccole coscienze,
un avversario chiamato buio
sotto il bianco del bianco,
sotto il calore
del freddo difensore

Dispersive energie
nel risveglio dal sonno,
concentrate scariche elettriche
nella coscienza dell’occhio vigile

Non è consigliabile
ora
camminarmi addosso
sbadatamente
affondando scarpe pesanti
sulla coltre immacolata che mi ricopre,
sul suo inverno attento
a che nulla di me restasse sveglio,
ortodosso,
metafisico
e divenisse misantropo
con le idee dello spalaneve
e dell’autista di turno
casuale caronte

Sono viva invece…

Sto per alzare la testa,
sedermi,
scrollarmi
di dosso
l’abito bianco poi trasparente,
per indossare
ogni colore
disponibile
che questo soffio
indipendente,

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

20 commenti:

  • laura cuppone il 05/05/2009 19:10
    grazie infinite Antonio

    Laura
  • Anonimo il 05/05/2009 17:12
    complimenti!
  • laura cuppone il 17/03/2009 22:44
    grazie dolce augusto
    ... Laura
  • augusto villa il 17/03/2009 10:09
    È bella... e come Vincenzo non oso commentarla... Mi pare di sporcarla... Laura... sempre profonda... sempre brava!!!... Ecco l'unico commento che mi viene da fare: ti voglio bene!!!
  • laura cuppone il 15/03/2009 22:57
    dolce...
    so che si potrebbe intendere nel modo che... pensi..
    ma io alzo la testa prima in me... sempre
    e poi forse se necessario...

    ti voglio bene
    grazie per aver fede

    Laura
  • laura cuppone il 15/03/2009 22:56
    Vinci, la cosa é reciproca...
    grazie poeta

    Laura
  • Dolce Sorriso il 15/03/2009 15:13
    scusa Laura volevo scrivere strofa,
    smack
  • Dolce Sorriso il 15/03/2009 15:12
    bella in ogni sua steeeeeofa
    piaciuta un casino
    e poi...
    stò per alzare la testa... evvai fatina mia.
    un ABBRACCIO
  • Anonimo il 15/03/2009 11:49
    Questa poesia.. si potrebbe anche commentare.. ma è intensamente bello lasciarla distesa, immacolata. Integra. Sicuramente tra le tue migliori, lo sai, son un tuo fan!

    Ciao Luretta
  • laura cuppone il 14/03/2009 23:53
    ... Ignazio
    grazie!

    Laura
  • Aedo il 14/03/2009 23:47
    Ci sono viaggi nella propria interiorità, che comportano salti verso il buio e l'ignoto. Scoprirsi in tutte le sfaccettature significaa accettare paure, tristezze e rischi, ma anche trovare lo slancio, per risalire e prendere il volo verso l'immenso di noi stessi: in una parola rifondare il vero amore. Brava, Laura!
    Ciao
    Ignazio
  • laura cuppone il 14/03/2009 23:19
    é presto.. ma sto per alzare la testa... c'è tutto.. si anche delusione... anche rassegnazione.. ma anche vita..
    sono viva... invece.


    ps.. maetra nel celare l'anima? forse anche nel mostrarla...

    grazie riccardo
    un abbraccio anche a te
    Laura
  • Riccardo Brumana il 14/03/2009 23:10
    come sempre si maestra nel celare l'anima e mostrare quello che sei disposta a far intravedere...
    ne risulta una bella poesia dalle molteplici sfumature ed altrettante interpretazioni...
    la mia? ci leggo una sensazione di delusione e rassegnazione... ma il mio sentire potrebbe anche essere in dissonanza con il tuo.
    ciao, un abbraccio.
  • laura cuppone il 14/03/2009 19:29
    ringrazio tutti con affetto...
    Laura
  • Anonimo il 14/03/2009 17:25
    Laura sei veramente unica!
  • Marcello Caloro il 14/03/2009 13:32
    Una dolorosa disamina della propria esistenza colorita a una nota di speranza. Profonda. Ciao.
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/03/2009 13:28
    Raffinatezza verbale e versi in concerto.
  • Anonimo il 14/03/2009 12:03
    una voragine di vitalità, di colore e calore.
    bellissima
  • Donato Delfin8 il 14/03/2009 11:58
    Mi piace.
    Profonde riflssioni.
  • Anonimo il 14/03/2009 11:44
    Bellissima. Brava Laura.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0