PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Riprese

Tu sei il regista dei miei giorni
ed io quello dei tuoi treni persi.
Rimango stazione fantasma,
e non più treno che si ferma a guardarti mentre ti dipingi addosso
semafori daltonici.
Rimango voce senza volto,
tutto il corpo è impostato ad un secondo
e non permette altro tempo.
Adesso che mi hanno portato i tuoi organi interni,
sento il bisogno di sdradicarti dalle tue operazioni letali,
fissarti sulla mia facciata,
dipingendoti la vita che non ti sei preso.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Rocco Burtone il 08/07/2009 01:16
    Brava ma complessa e cervellotica. Mi spaventi... o no...
  • Anonimo il 14/03/2009 20:59
    6 DIVINA.
    Ma te l'ho sempre detto.
    Ch
  • Aedo il 14/03/2009 16:06
    Una poesia bellissima, intrisa di melanconia e di vera vita. La tua voce per me è quella della sensibilità interiore. Brava!
    Ignazio
  • Viola Smith il 14/03/2009 15:03
    Per me è stato molto difficile ritornare. Spero di continuare a scrivere. Grazie a tutti *
  • Anonimo il 14/03/2009 14:39
    bella... bella...
  • Adamo Musella il 14/03/2009 14:11
    Un intrecciare e un ritornare su passi per tragitti comuni lagati da regole ora chiare ora soffuse... poesia molto bella Vioala, baci
  • Donato Delfin8 il 14/03/2009 13:32
    Molto bella. Immagini sempre gradite.
    Bravissima.
    Magnifico ritorno a postare!
  • Anonimo il 14/03/2009 13:16
    Bella.
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/03/2009 13:14
    Descrizioni forti intrecciate da versi molto gradevoli.
  • Marcello Caloro il 14/03/2009 12:50
    Fotogrammi di vita vissuta. Comparsa e non protagonista... Molto bella. Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0