username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un giro nel cervello

cosa sono io...
sarò ancora quel bambino
intimidito
dalle foto di natale
perché già
ne intuiva la farsa

o quello
che presuntuoso
rifiutava una carezza
perché
l'indomani da quelle mani
non avrebbe più
ricevuto
neanche uno schiaffo

l'indomani... domani...
la testa sempre speranzosa
nel domani(ingenuità infantile)...

e ora cosa sono
cosa son sempre stato
o cosa sarà

un mutamento continuo

"la vita è instabile,
l'instabilità ne è una condizione,
siamo noi, spesso, troppo rigidi,
e dunque ci spezziamo;
come un ramo ormai secco
sotto un forte vento, siamo secchi"

"si ma è il vento stesso a far
invecchiare i rami giovani; a
farli seccare;
non siamo secchi, non nasciamo secchi,
dipende da quanto vento si è assorbito,
per quanto tempo; e
il tempo è relativo, tutto è relativo,
tutto è... caos,
noi non siamo troppo rigidi,
siamo semplicemente caos
e cosi infatti sentiamo, ed è normale, e poi..."

l'esistenza è instabile

per condizione...

 

1
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/05/2012 10:30
    apprezzata complimenti

8 commenti:

  • Giancarlo Stancanelli il 09/12/2010 10:35
    Premesso che io ho un odio personale per i puntini sospensivi, e considerato che in questa tua opera ce ne sono a bizzeffe, devo dire che comunque mi è piaciuta.
    Soprattutto il rigo centrale "un mutamento continuo", che secondo me basta da solo a definire il tutto.
    Bravo.
  • stefano manca il 19/03/2009 15:43
    grazie Renato
  • Anonimo il 19/03/2009 14:47
    È vero la vita è mutazione infinita e noi spesso non riuscimo a mutare quando il vento dei cambiamenti ci soffia addosso. Così ci spezziamo in tanti minuscoli pezzi... Ma non riusciamo o non possiamo? Chissà!
    Un bravo di cuore per questi splendidi versi!
  • Anonimo il 15/03/2009 11:42
    Si pure io ho sempre sospettato che l'albero di natale fosse una truffa.
    Bravo..
    Ch.
  • Anonimo il 14/03/2009 15:49
    Bellissima Ste, Bisogna rimanere vivi dentro, non farsi imbrigliare da ciò che il mondo ci propina.
  • stefano manca il 14/03/2009 15:41
    è proprio quello che intendo. grazie
  • Vincenzo Capitanucci il 14/03/2009 15:22
    Sempre un perpetuo movimento... nel Natale-panettone... non ho trovato il pane vero... nel vento... come un giunco... di-vento...
    Bravissimo Ste... sono i nostri schemi... ed essere rigidi... la verità... è un libero gabbia-no che non può essere imprigionato...
    Instabilità... nel Caos... che poi nel suo antico significato... non è frutto del Caso... ma è Ordine supremo... caotico...
  • Anonimo il 14/03/2009 14:34
    bella... mi piace!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0