PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

... Atttrice...

Mi definiscono Lucciola,
o donnina allegra.
Non ho niente di allegro,
anzi,
sono incazzata,
nel senso letterale.
Della Lucciola ho il rosso,
colore della vergogna,
e i punti neri
che macchiano l'Anima.

Non ho le ali,
tarpate
anni fa
da mercanti senza scrupoli,
ex ufficiali della Grande Armata,
razziatori nei teatri,
nelle fredde notti
di Praga.

Costruttori di miraggi,
circuite con L'ingaggio
nei teatri tal dei tali,
delle Metropoli Italiane.

Adesso recito!
Il palcoscenico?
La strada.
La scenografia?
Il lampione in fondo alla via.
Interpreto bene,
sospiri e gridolini
quando vado in scena.

La notte mi somiglia,
allarga il manto nero
e tutto imbriglia.
LAtttrice allarga le cosce,
sono una figlia.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Ezio Grieco il 19/03/2010 16:14
    Ciao Sabrina, grazie per l'ok anche per questa.
    È gratificante l'analisi che fai nel commentare i post, segno che la lettura è attenta.
    mk
  • Anonimo il 18/03/2010 17:37
    La prima strofa, come immagino tu volessi,è cruda. Poi prosegue con una realtà triste. Menzioni una città e parli dell'inganno inferto ad una donna che sogna un po' di celebrità e che semmai l'avrà, l'avrà pagata molto di più di quel che vale. Poverina!! Sempre rivolte al prossimo, le tue poesie. Complimenti per i contenuti e per la scrittura di gran pregio ma "per tutti".
    Sabrina.
  • Ezio Grieco il 29/03/2009 23:56
    Ciao Debora, io ho letto il tuo commento... tutto d'un fiato; grazie.
    mikelus
  • Ezio Grieco il 29/03/2009 23:54
    Ciao klo, hai ragione, la tag non è addatta, provvederò.
    Grazie per averla letta e per il consiglio.
    mikelus
  • Debora Di Mo il 28/03/2009 14:12
    Veramente molto molto coinvolgente. Bella!
    Letta tutta d'un fiato e poi riletta. Bella bella!
  • Anonimo il 20/03/2009 00:02
    Bella, mi piace molto.
    L'unica cosa che non condivido èla tag...
    Non è poi così sarcastica, amaramente, in fondo!
  • Ezio Grieco il 16/03/2009 11:30
    Ciao Floriana, Giuliano, Cinzia, Black, Bruno, Claudia, Ugo, Sophie, grazie della vostra presenza, siete molto cari.
    Un abbraccio a tutti
    mikelus
  • Anonimo il 15/03/2009 11:36
    Bravo... sofferta, sarcastica, cruda come la realtà... complimenti
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/03/2009 18:53
    Versi impegnati che fanno vera poesia.
  • claudia checchi il 14/03/2009 17:38
    Molto forte e dai contenuti anche duri e crudi.. come la vita che svolgono.. bella Michele.. un abbraccio Claudia.
  • Anonimo il 14/03/2009 15:45
    Dura come la vita delle protagoniste della tua poesia.
  • Anonimo il 14/03/2009 15:05
    recitazione a soggetto, anche se la scena è sempre la stessa.
    bella
  • Cinzia Gargiulo il 14/03/2009 15:02
    Bella e dura.
    Bravo come sempre!
    Un abbraccio...
  • giuliano paolini il 14/03/2009 14:51
    una opera di valore assoluto, intensa e gratificante per chi la legge, bravo
    difficile il carico sopratutto quando si conoscono il contenuto e le motivazioni che lo hanno prodotto, ma nella forza di certe esperienze si sublima quel senso di annullare le fatiche e gli impegni che spesso spengono le esistenze.
  • Anonimo il 14/03/2009 14:33
    wow... forteee... e bravo!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0