PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

un giro in giro

uno spazzino di la spezia
fuggì da foggia a fiuggi
è stato ad este in estate
e al mare a maratea
aprì una porta a portici
e si trovò in una via a pavia
passando per treviso gli graffiarono il viso
si arrese a varese
a corto di fiato a cortona si mangiò un gelato
comprò dei polli a napoli
e fu pesato a pisa
messo in carcere a messina
morto infine a mortara
fu cremato a cremona.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 20/03/2009 08:41
    Veramente simpatica e ben scritta.
  • Aedo il 14/03/2009 16:03
    Una poesia ben scritta e che attira per il suo umorismo. Bravo!
    Ignazio
  • Anonimo il 14/03/2009 15:44
    Una brutta fine, fortunata-mente nel suo vagare, comprò dei polli a napoli.. trottolina amo-rosa, mi gira la testa.

    Bella Giulianello
  • Anonimo il 14/03/2009 15:08
    Carina, veramente simpatica.
  • Vincenzo Capitanucci il 14/03/2009 15:03
    e sali in Cielo... a Salerno... evitando l'inferno...
    Giocoliere funambolico... Giuliano... in un giro di girino... il rospo si fece re dello Stagno... a Stagnino... due casali di cui uno è vuoto... nel comune di Gaio-le...
    Simpaticissima...
  • Anonimo il 14/03/2009 14:30
    ieri è morto il pasticcere... oggi lo hanno cremato!!!
    FORTISSIMAAAA!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0