username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

sonetto

Nel mio sogno t'affacciasti,
nel tuo sogno mi trovasti.

Antico mare di ricordi
approda noi a porti sordi.

Pur dispersa nel tuo scrigno,
disciolto il laccio della sorte,
una volta giunto al Regno,
compagno mio ingannerai la morte!

Scenda la pioggia delle fortune
lieto e lauto sodalizio
scenda a dissetar le dune
le cerimonie hanno inizio...

... un abbraccio suggellato,
... un incontro non celato;
Il segreto mal contento
suona e ride a ritmo lento.

Luna canta questa storia
abbandona la memoria!

Tenero viaggio del tuo cuore,
oblierà le mie parole.

Ma mattino, e tu vegliardo
scoprirai il tristo dardo
quando a farti compagnia
ci sara' l'anima mia.

Io scomparsa ma dal mondo,
e riapparsa nel tuo mondo...
alla fine della vita,
presto a dirti son guarita!
Nel Pineto adorato
Gatto son, da te guardato.


Campi di primule soffiate dal vento,
attendon carezze dal firmamento,
sentieri d’erba e ciottoli ordinati
i nostri cammini si son separati.

Sorrido e d’improvviso conosco,
figura più mesta, quell’uomo nel bosco.
Giocare tranquillo, sereno e beato,
l’ingresso più bello di un posto incantato.

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Marcello De Tullio il 14/05/2009 19:46
    Molto bella e armoniosa.
  • Massimo Tusa il 09/04/2009 08:03
    una storia d'amore infinita e rocambolesca, pare d'altri tempi. Molto ben scritte ed armoniose la 3, 10 e dalla 15 in poi.
    Un a risentirci
    Ciao
    Max
  • Anonimo il 15/03/2009 17:28
    Piaciuta Doriana.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0