PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Giustizia"è"?

Intensamente assorta,
tal pensiero
ascolto:
"Difficile è,
stabilir
ex ante,
ove il diritto sia,
ove il torto sia,
se non,
col senno del poi".
Riflessione,
su come il mondo,
in un burrone
sprofondi,
e,
in cui coglier poi,
il senso
di giustizia,
ormai perso...
Riflessione
che,
dell'alea giustizia
è testimonianza,
del male banale
rimembranza...
Costituzione,
unica speranza,
unico strumento
per ritrovar,
un'umanità
nel fango scivolata,
unica Legge,
ti seguiam,
come gregge.
Tu,
Lex legis,
cellula vitale,
il male
con te,
non è più normale,
e,
lassù,
diritti giusti e veri,
si librano,
nel regno dei cieli!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 07/09/2009 18:14
    strana poesia
  • Riccardo Brumana il 07/04/2009 14:27
    credo che la giustizia la si faccia quando agiamo per quel che pensiamo sia il bene...
    motivati da sentimenti buoni...
    poi quello che la gente può dire con il senno di poi, sono considerazioni che lasciano il tempo che trovano...

    bella poesia, fa riflettere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0