PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il germoglio

Non ho pazienza
perché l’attesa
toglie il fiato

e il rantolo di un fiore
che muore,
lentamente,
grida vendetta.

Recido il germoglio
prima che l’oscena gramigna
faccia scempio
della sua innocente fragilità

L’amore nato perdente
è sublime
per quel lampo sfolgorante
d’infinità brevità

 

3
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 20/07/2015 19:32
    Un plauso sincero per questa tua eccezionale.

6 commenti:

  • salvo ragonesi il 15/09/2013 09:02
    anche un amore di infinita brevità va vissuto. piaciuta salvo
  • Anonimo il 28/03/2009 18:06
    Come si commentano dei versi meravigliosi? Dimmelo e lo farò con questa tua poesia.
  • Anonimo il 17/03/2009 16:22
    Bellissima.
  • Anonimo il 17/03/2009 13:59
    molto intensa. mi è piaciuta
  • Anonimo il 17/03/2009 13:23
    intensissima l'ultima frase.
    bella composizione
  • Vincenzo Capitanucci il 17/03/2009 12:29
    Sei un lampo... Alessandro...

    Sublime... d'infinita brevità... folgor-ante...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0