PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Solido Platonico

Elaboro le emozioni
tra le espressioni ridondanti del tuo viso.

Suggestioni come piccoli cubi luminosi
cadenti dall'altezza lunare.

Attonito
incapace di raccoglierli
se non tramite una spinta,
un invito tagliente.

Ne raccolgo un cesto capiente
mi accomiato
mentre provi a riempire
le tue tasche bucate.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 07/04/2010 16:00
    Poesia bellissima che fa riflettere sull'incapacità di manifestare le emozioni... ma vi vedo anche quel segreto invito ad una autentica apertura che ogni donna, qual messaggera d'Amore, rivolge sempre ad ogni uomo... pur nel commiato. Un caro saluto.
  • Anonimo il 17/04/2009 21:54
    Leggo tanto sconforto nei tuoi versi.
  • Anonimo il 17/04/2009 21:54
    Bella questa tua.
  • Anonimo il 19/03/2009 23:34
    Esagerata!
    L'hai postata 2 volte!
  • Dorian Di il 18/03/2009 19:27
    Poesia di difficile "comprensione".
    Una sensazione di... ansia ed impossibilità di "far fronte" a qualcosa...
    Ed un retrogusto amaro sulla lingua.
  • Anonimo il 17/03/2009 18:38
    mi piace... tantoooooooo...
  • Anonimo il 17/03/2009 18:21
    Carina
    Ciao
    Contessa Lara
  • Anonimo il 17/03/2009 16:23
    Piaciuta.
  • Anonimo il 17/03/2009 16:07
    Piaciuta
  • Anonimo il 17/03/2009 12:40
    È bellissima Deb... molto significativa e profonda... brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0