accedi   |   crea nuovo account

Esistenza

Tu
che vivi nell'ozio
della stupida raccomandazione
per aver in cambio
l'ambita sistemazione
riempendoti la pancia
di vuote aspettative consumistiche
vomita il cibo
e lascia una traccia
al camminar dell'esistenza.

Tu
che navighi
nella merda società
per approdare agli stronzi del potere
scròllati dell'immondo
e casto e puro
metti il tappo
a questo culo
della fetida esistenza

Tu
che vivi imbambolato di credenza
sperando nell'aiuto del signore
del destino
delle stronzate astratte
sputa al misticismo
spernacchia alla flautolenza
per dare corpo
all'esistenza.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 14/07/2010 14:51
    Carina, bravo...
  • bernardo gentile il 23/03/2009 18:35
    scossa per i puritani
  • antonio castaldo il 20/03/2009 22:16
    profondamente toccato nel profondo... dura... laica...
    ma se è vero che, la speranza è sempre l'ultima a morire, allora,
    vivere imbambolati di credenza, sarà certo una gran bella cosa.
  • sergio nocera il 18/03/2009 22:16
    penso di non essere stato volgare ma esprimere nei termini più appropriati, anche se questi in disaccordo secondo la poetica tradizionale, al richiamo della propria dignità di essere. ringrazio tutti con simpatia e desidero dire a loretta che ho letto la sua poesia "la barca della mia vita" e la trovo bella ed esprime l'affermazione della ragione dell'esistenza.
  • tanya belletti il 18/03/2009 15:03
    Bellissima incazzatura.. di ampie e colorite parole, bravo!!
  • Anonimo il 18/03/2009 10:13
    Apprezzabile filippica generica. Le male parole non stonano.
  • loretta margherita citarei il 18/03/2009 08:09
    molto forte e colorita, mi ricordi il film quarto potere, aprite le finestre e urlate, sono incazzato nero, crude le tue parole, ma crudissime sono le persone le persone che hai descritto, servi e lecchini, ipocriti e falsi. comunque, per esperienza posso dirti, che, molte volte, essendo cristiana, ho dovuto mettere i miei problemi nelle mani di dio, perchè valutando la situazione ogni mio intervento avrebbe causato situazioni più pesanti verso me, leggi la poesia, la barca della mia vita, da me inserita nel sito e capirai.
  • Fabio Mancini il 18/03/2009 07:19
    Se ne potrebbe trarre un documento programmatico politico di ampio respiro, ma non troppo ampio però ...
  • Riccardo Brumana il 18/03/2009 00:34
    mi piace la struttura ma trovo la scelta dei termini poco poetici...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0