PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Arthur la stella veggente dell’Arcobaleno

Hai squarciato la notte
almeno la più buia
la mia

in raggio di luce

Ho imparato sulle tue noti celestiali
di Sposo infernale
la bellezza di una vergine impazzita d’Amore
pronta ad ogni sacrificio per il suo tirannico Amante

più che sui banchi sonnolenti di tragica melo-drammatica scuola

Mi hai insegnato a bere le quintessenze
in tutti i veleni delle cose fino in fondo

fino a capire che nessuno di noi è un Autore
ma tutti miseri splendidi riceventi

in doni di grazia

L’avessimo capito prima
quanti morti avremmo risparmiato a noi stessi ed agli Altri

Quanti di noi si sono sentiti volare in te
fra le stelle danzare
con la tua anima gemella incatenati negli anelli divini di una catena d’oro

Siamo stati maledetti insieme dal battesimo
a portare su questa terra una croce di riscatto consolatrice

Noi i più grandi malati
ed io il nanerottolo un pisolo addormentato invitato a salire sulle tue possenti fragili spalle

Per vedere più lontano

per mondarmi

devo lavarmi nell’immensità
del mare ogni giorno sporcandolo di ogni peccato

a Vivere in Venere ed a capire perché per un attimo lei sparisce
solamente per farsi desiderare ed conoscere ancora di più
ad amare le Esperidi nei loro pomi d’oro

travestito nelle maniche di camicia
di orribili lavoratori rialzati

fino a quel bagno di luce finale
in un mezzogiorno d’apoteosi di fuoco

Si sento già nel rullio nel battito del mio cuore a tamburo
l’arrivo dei tuoi Geni

Sei stato un fulmine
una luce illuminante le fiamme dell’inferno

sarà per un certo morto
uno stramaledetto infortunio

in ogni tua parola potrei perdermi per interi lustri di anni-luce!!!!

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anna G. Mormina il 18/03/2009 20:48
    '... ma tutti miseri splendidi riceventi...'
    Nulla di ciò che pensiamo, facciamo, scriviamo è, veramente nostro... siamo sempre "ispirati" da qualcuno!... mi piace!
  • tanya belletti il 18/03/2009 15:09
    E anche i peccati scompaiono alla luce dell'immensità e rotolano deliziosi pomi d'oro.. bella
  • loretta margherita citarei il 18/03/2009 13:50
    mi ha toccato profondamente il cuore
  • Anonimo il 18/03/2009 13:35
    Vincenzo.. SEI UNICO...

    AURORA
  • Donato Delfin8 il 18/03/2009 10:58
    WOW Vincè

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0