accedi   |   crea nuovo account

La Quarta stellina

Eri un piccolo fiore
che trema
e non volevi dirci, tuttavia,
che stavi così male.
Ma quando un po'
di vita ti baciava,
eri un raggio di sole...
A sera...
Una stella che si spegne
sul tremolio del mare.
"Te la ricordi, mamma,
la poesia?
Quella che parla
di quattro stelline?"
Tu mi rispondevi:
"Sì, me la ricordo."
E un po' la recitavi:
"Quattro stelline,
ho visto passare,
quattro stelline,
sull'orlo del mare..."
Poi, ti fermavi;
il tuo sguardo si perdeva,
forse cercando,
nell'immaginario,
i contorni di una vastità marina.
Mamma, ora so che eri
proprio tu, la quarta stellina.
Perdonami, mamma
se ravvisavo in Te,
più l'angelo del cielo
che un angelo, anche, terreno
con tante paure.
Nel cielo dei miei sogni,
ove anche tu ci sei,
perdonami,
proteggimi.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • rainalda torresini il 30/03/2009 18:46
    commovente il ricordo di chi non c'è più...
  • Riccardo Brumana il 21/03/2009 10:50
    un canto d'amore il tuo... che fa vibrare l'anima...
    bellissima!
  • Anonimo il 18/03/2009 17:33
    Delicata poesia.
  • tanya belletti il 18/03/2009 16:49
    molto delicata.. lucciole di stelle racchiudono un bel ricordo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0