accedi   |   crea nuovo account

Domino

Affilati,
sezioniamo le nostre pazienze apparenti
dal vestito buono per presentarsi ed essere convincenti,
spogliandole solo di notte
facendoci fottere dalla sconfitta
fino a quando non sarà giorno;
infilati,
in misere confezioni asettiche
con le nostre voglie così sporche di sembianze umane;
in fila come alberi infestati pronti per essere
abbattuti:
cado io,
cadi tu.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • vincenzo rubino il 04/05/2011 14:52
    be che dire l'uomo è come un vinile, c'è un lato A e un lato B, a volte il lato A può essere una canzone allegra che diverte tutti ma ciò non toglie che il lato B sia una canzone triste, forse il lato più sincero, ma difficile da ascoltare anche per chi l'ha scritta... ciaoo
  • antonio castaldo il 21/03/2009 15:41
    conflitto o il semplice confronto tra i poteri forti di un unico essere
    forse insostenibilmente leggero... o forse no... molto bella
  • Anonimo il 20/03/2009 00:35
    Bellissima.
  • cesare righi il 19/03/2009 21:13
    Ciao Viola, concordo con il tuo commento. La poesia mi è piaciuta
  • Anonimo il 19/03/2009 16:43
    E riesci sempre a dire tutto magnificamente
  • Anonimo il 19/03/2009 13:19
    si, capisco, anche se reprimerci significa soffocare le nostre debolezze, o fragilità. Ostentare una sicurezza che non ci appartiene, per affrontare la vita giornalmente e riscoprirci poi indifesi quando siamo faccia a faccia con noi stessi.
    Forse non avevo espresso bene ciò che intendevo.
    di nuovo complimenti
  • Viola Smith il 19/03/2009 12:51
    Beh non è proprio questo... Più che altro volevo esprimere il concetto di essere forti alla luce del sole per poi diventare fragili quando rimaniamo faccia a faccia da soli con le nostre ossessioni. Far finta di non aver bisogno... per poi sentire la mancanza.
    Grazie black
  • Anonimo il 19/03/2009 08:47
    non è facile rimanere noi stessi, dobbiamo fare i conti con la necessità di uniformarsi nostro malgrado all'immagine che vogliamo dare, reprimendo purtroppo la nostra reale natura.
    bella e scritta bene

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0