username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Papà

Sovrasti vecchio dagli antichi padri,
taciuto, in poemi e poesia...
ti scrivo poche righe, ora che dormi...
oh uomo tanto utile e laborioso;
lavoratore eterno e indispensabile,
produttore del pane e della vita,
costruttore di rifugio e di certezze,
sostegno della debole compagna,
del pargolo tremante ed indifeso.
Or' tu, che scrivi tanto e sei poeta,
scruta le parole nel tuo cuore
e trova la scrittura per dir' grazie,
alla figura antica e nuova,
all' umile presenza silenziosa,
alla fortezza eretta...
nel cuore del papà.

 

1
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • sara meneghello il 17/09/2012 19:39
    Commozione nel leggerla. per chi un papà non ce l'ha più, come me...è come riaverlo quasi.
  • Giovanni Ruggiero il 06/09/2012 10:51
    Complimenti signor attanasio. la sua poesia mi ha commosso. appare molto autbiografica e lo trovo molto bella. La parte in cui si rivolge ai poeti per inivitarli a scrivere della paternità è emozionante e moto intelligente. La invito a leggere le mie opere per un sincero scambio di opinioni e in particolare la poesia: la Belva... ispirata ad una figura paterna analizzata da un punto di vista diverso. SALUTI

4 commenti:

  • giusi iovene il 11/03/2010 17:18
    congratulazioni e super bella
  • Anonimo il 20/03/2009 00:29
    Bella.
  • loretta margherita citarei il 19/03/2009 16:59
    bellissimo omaggio per il tuo papà, universalizzato a tutti i papà.
  • Vincenzo Capitanucci il 19/03/2009 07:41
    Grazie sicuramente Attanasio...
    Bella... una fortezza... eretta... una verticalità della Vita...
    Una buona giornata... e buona Festa...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0