PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il ghiaccio

Sarebbe stato bello
se fosse stato luglio
ma è gia febbraio
e il ghiaccio non fa sconti
a un proletario,
lo sento tutto intorno,
sul viso, dentro i guanti,
persino in mezzo ai denti,
si infila sull’aorta,
e in un baleno
sta sulle coronarie
e buttata giù la porta
si annida dentro il cuore
che sembra lui il padrone.
però tutto sommato,
questo ghiaccio,
dice un proverbio antico,
è quella cosa
che mette insieme
il povero col ricco,
ed io mi chiedo sempre,
dubbio eterno, perchè
c’è chi ce l’ha d’estate
e chi d’inverno?

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Rosarita De Martino il 06/01/2015 19:42
    Il ghiaccio è simbolo di freddo specie se il cuore non è riscaldato dall'amore. Con simpatia. Rosarita
  • Mirko Zullo il 07/04/2009 19:45
    "il ghiaccio non fa sconti a un proletario"... Fantastica! Un abbraccio, Mirko.
  • augusto picci il 21/03/2009 19:33
    Grazie cari.
  • Cinzia Gargiulo il 21/03/2009 12:32
    Poesia piaciuta, bello il tuo stile.
    Ciao...
  • Anonimo il 20/03/2009 20:52
    Bella.
  • tanya belletti il 20/03/2009 20:13
    molto vera, molto bella..
  • augusto picci il 20/03/2009 19:57
    I proletari non hanno bisogno di alcun ombrello perchè tanto piove sempre sul bagnato. Ciao grazie.
  • Vincenzo Capitanucci il 20/03/2009 16:33
    Bravissimo Augusto... complimenti... il proletario in questo ghiaccio... cresce.. nel suo sole di cuore... anche senza bere il suo gin fizz... sotto un ombrellone delle Bahamas...
  • gianluca riggi il 20/03/2009 09:42
    Bella, complimenti!
    C'è anche chi ce l'ha sia d'inverno che d'estate...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0