accedi   |   crea nuovo account

guardando van gogh

Quel giallo intenso,
prorompente,
spiritualità riflessa
di uomo tormentato,
(girasole nel deserto della follia)
estasia i miei occhi,
proietta il pensiero
ai giorni assolati d’estate,
ai campi di messi dorate.

Argonauta nel fantasticare,
mi ritrovo dipinta
tra i personaggi ,
seduti in quel caffè
sulla piazza del forum,
per sfogliare petali
di quei fiori del paradiso,
pittati nel blu della notte
e ritrovare
nel cuore,
nuovi sogni di stelle.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • gabriella zafferoni sala il 24/03/2009 18:38
    dal finestrino dell'auto, mentre scorreva la campagna attorno ad arles, le matasse di natura, modellate dal vento, parevano forme staccate dai quadri di van gogh.. altro che stravaganti immagini del suo animo complesso e sofferente..
    era natura che trapelava il proprio porsi nel mondo, lui coglieva ciò con annessi i sentimenti del caso..
  • Anonimo il 21/03/2009 22:33
    Parlami di me, fratello

    Voglio che tu capisca la mia concezione dell'arte. Bisogna lavorare a lungo e duramente per afferrarne l'essenza. Quello a cui miro è maledettamente difficile, eppure non penso di mirare troppo in alto. (...)
    Attraverso le mie opere desidero che la gente possa dire: "Sente profondamente, sente con tenerezza"-malgrado la mia cosiddetta rozzezza e forse persino a causa di essa. (...)
    Cosa sono io agli occhi della gran parte della gente? Una nullità, un uomo eccentrico o sgradevole- qualcuno che non ha posizione sociale nè potrà averne mai una; in breve, infimo degli infimi. Ebbene, anche se ciò fosse vero, vorrei sempre che le mie opere mostrassero cosa c'è nel cuore di questo eccentrico, di questo nessuno.
    V. Van Gogh 1882

    Tavolozza di colori nella follia d'amore incompreso ma espresso con geniale forza a ogni pennellata...
    Ti sono grata per questo omaggio al fratello Vincent
    nel
  • Anonimo il 21/03/2009 21:30
    Van Gogh non è tra i miei preferiti...
    Piaciuta la poesia
    Un caro saluto
    Contessa Lara
  • Vincenzo Capitanucci il 21/03/2009 18:40
    Davanti a certi quadri del Maestro... rimango estasiato... tutto vibra in vortice... ed a questo le linee degli oggetti... si sfigurano... si contorgono davanti a tale potenza...

    Bellissima Loretta... e nelle sue stelle... nuovi sogni...
  • Attanasio D'Agostino il 21/03/2009 18:29
    Bellissima buona domenica
    Tanà.
  • cesare righi il 21/03/2009 18:21
    Bellissima descrizione ed approvo la scelta dei quadri. La mia preferenza va a Monet
    è una bella lotta eh?
  • loretta margherita citarei il 21/03/2009 17:58
    un omaggio al mio pittore preferito

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0