PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

a notte de na maddalena

Tu m’hai portatu a lu ristorantino
cuscì ho bijuto nu bicchier de vino
e so divennata friccicarella,
perché tu me voi gioiosa
come se fussi na sciantosa.
Quanno poi a casa tua semo iti,
m’hai dittu che so bella
che arsomijo a na stella.
Forte m’hai stritta ar petto,
nu bacio, n’andro ancora,
semo finiti a letto.
E pe tutta a notte, a pelle a pelle,
emo fatto arroscià anco le stelle,
fino ar mattino.
Poi, quanno tutto è finito
m’hai tinuta a te vicino,
m’hai ditto:” che pensi amica mja?”
“a niente “, t’ho risposto,
“stanotte è stata bella come na poesia.
Tanto er core mio è morto e seppellito,
nun vidi, che tra e braccia tue, nun piagno ma rido?”

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Fabio Mancini il 22/03/2009 19:55
    Nostalgica, nonostante la spensieratezza di una piacevole nottata. Ciononostante lo stile è accattivante, spontaneo, simpatico, induce all'ottimismo. Ma veramente l'ottimismo è il sale della vita? Oppure il sale della vita è l'Amore? Un bacio, Fabio.
  • Anna G. Mormina il 22/03/2009 18:49
    Molto, tanto bella questa tua poesia dialettale... l'Amore con la A maiuscola, da questa donna è stato messo da parte... la sua risata è piena d'amarezza!
    Bravissima Lorella, non ti chiedo di tradurla perchè l'ho capita perfettamente e perchè so, che perderebbe la sua musicalità!
  • Anonimo il 22/03/2009 18:29
    Che strana "legge" quella per cui l'amore... il vero amore debba spesso essere legato al pianto... Un pianto di gioia, di liberazione, di disperazione, di dolore... Un pianto, sempre e solo un pianto! Veramente molto bella, Loretta. Ciao.
  • antonio castaldo il 22/03/2009 18:15
    Bella anche...(o soprattutto?) in dialettale.
  • Anonimo il 22/03/2009 18:06
    e quanto è bello piangere... dice alla fine.
    scusa se non lo so dire in napoletano che sarebbe stato più appropriato.
    molto bella
  • Giuseppe ABBAMONTE il 22/03/2009 17:37
    Ciao Loretta
    innanzitutto complimenti. Filomena era proprio così, donna del popolo apparentemente fredda e calcolatrice ma capace poi di sciogliersi in un pianto libertatore quando, finalmente, anche per lei arriva l'amore e (forse) la felicità.
    O' core morto e seppellito, insomma, viene fuori quando arriva l'Ammore, con l'A maiuscola e tante m.
    Brava Loretta, l'hai intepretata magistralmente.
    Un abbraccio e tanta sincera ammirazione.
    Giuseppe
  • Donato Delfin8 il 22/03/2009 16:43
    Stupenda!!!
    Bravissima
  • loretta margherita citarei il 22/03/2009 16:20
    scritta ispirandomi a filomena marturano. Sovente come attrice, in vari spettacoli
    recito e leggo alcuni brani di questa commedia, filomena che on piangeva più fino a quando non conobbe il bene dell'amore.
  • Vincenzo Capitanucci il 22/03/2009 16:13
    Da una atmosfera sciantosa... a stelle in Amore... fino al freddo del mattino... dove si svela un fiore ferito...

    Molto bella Loretta... da ridere... piangendo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0