accedi   |   crea nuovo account

13 Ottobre 2060

Una verde distesa,
punteggiata di colori,
digrada dolcemente.

Sul fianco del colle,
tenacemente abbarbicata,
una vecchia casa bianca.

Cespugli in fiore,
odorosi e roridi,
tratteggiano un sentiero.

Un pigro torrente,
ombreggiato da canne,
percorre la valle.

Aironi cinerei,
ad ali distese,
tracciano l’azzurro.

Nel bosco discosto,
il tordo e la ghiandaia,
si rintuzzano richiami.

Se solo potete,
almeno oggi,
lasciatemi sognare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 04/11/2016 10:45
    apprezzata.. complimenti.

14 commenti:

  • Massimo Migliore il 25/03/2009 18:43
    Stupenda!
  • Donato Delfin8 il 23/03/2009 21:43
    Auguri! Speriamo bene
    Bravissimo
  • Anonimo il 23/03/2009 21:37
    Immaginare il mondo come sara' nel 2060, con i dubbi e le incertezze per il domani... Davvero originale e molto bella. Monica
  • cesare righi il 23/03/2009 19:05
    ... 13 OTTOBRE 2060 BUON COMPLEANNO, sarà un mondo diverso... l'ho letto in un racconto... qua in giro da qualche parte
  • Anonimo il 23/03/2009 18:49
    Bei versi.
    Sogna. Te lo concedo...
    scherzi a parte, un caro saluto
    Contessa Lara
  • Anonimo il 23/03/2009 18:30
    Bellissima come sempre.
  • Anonimo il 23/03/2009 18:21
    Ma allora sei un bimbo????
  • tanya belletti il 23/03/2009 18:20
    complimenti...
    molto bella...
  • tanya belletti il 23/03/2009 18:20
    complimenti...
    molto bella...
  • Vincenzo Capitanucci il 23/03/2009 18:19
    Un bellissimo quadro bucolico... da Sogno... sembra di aleggiare in un passato che non esiste più... ed in futuro che verra...

    Bravissimo Marcello... toglietemi tutto ma non i miei Sogni... quel superfluo che c'è in noi... ma che ci fa continuare a vivere... in Arcadia... vivendo come un Orso... vivendo fra ambrosia e miele...
  • Marcello Caloro il 23/03/2009 18:11
    Cari amici,
    in questa data decorrerebbe il mio centesimo compleanno. Immagino una natura distrutta, contaminata, il cui ricordo è conservato nei sogni dei Vecchi. Derisi e non creduti, additati quali matti... Mio nipote potrà vedere un tiglio in fiore? Goderne il profumo? Uomini siamo noi ed io ne ho spavento.
  • M. Cristina Tacchini il 23/03/2009 18:05
    Bellissimo quadro, Marcello, infonde serenità e speranza. Ai sogni non si chiude mai la porta. Ciao!
  • cesare righi il 23/03/2009 18:00
    caro Marcello, un crescendo di note in una sinfonia Beethoven sinfonia n. 9 op. 125 e... veramente bella
  • Anonimo il 23/03/2009 17:46
    Soeriamo che il futuro sia dolce e pacato come da te descritto... grande sensibilità... ma non avevo dubbi!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0