PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nel nome del padre

Camminavi invecchiato prima del tempo
lungo la sabbia della tua sepoltura.
Il cielo si straziava nell'azzurro dei suoi lamenti
e il volto della Beata Vergine
piangeva cascate d'ali spezzate.
Come un "cencio" misero e puro avanzavi
verso la pace del tuo dolore
ma il tuo cammino era quello di uomo libero.
O figlio dagl'occhi celesti
Come abbiamo potuto essere ciechi
davanti al tuo splendore..
Siamo forse degli uomini?!
Noi che non conosciamo la verità
come abbiamo potuto puntare il dito
e dire chi eri!
Dimmi perchè sul tuo viso coperto di sassi e di sputi
risplende la luce.. perchè ora sorridono le tue lacrime?
O povera bellezza!
In questo giorno di morte sembri una palma aperta,
un giglio in mezzo alle spine,
la tua ferita non viene da fuori.. ma dal di dentro.
Come può dalla sofferenza della tua carne
e del tuo spirito, nascere un giorno di gloria?
La tua veste bianca giace esausta sulla croce,
come un bimbo riposa fra le braccia della sua mamma,
nessuna creatura somiglia a te
chiunque ti ama.. ti vede
e oggi il tuo nome si è fatto Santo
e l'eterno Padre ti ha voluto con sè.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Cal laral il 09/09/2010 00:01
    poesia molto evocativa. Traspare un enorme senso di fede e di spiritualità inconfondibile...
  • Cinzia Gargiulo il 03/04/2009 22:08
    Molto bella e molto adatta per prepararsi alla Pasqua, ci fa riflettere...
    Un abbraccio...
  • Dolce Sorriso il 03/04/2009 16:06
    sono senza parole
    sei davvero ok
    Anna
  • tanya belletti il 23/03/2009 21:57
    Ciao pinna azzurra!!
    grazie
  • Donato Delfin8 il 23/03/2009 21:45
    Molto bella!
    Brava
  • Nicola Saracino il 23/03/2009 21:34
    L'amore, solo l'amore. Noi che non conosciamo la verità non abbiamo riconosciuto il Verbo fatto carne in mezzo a noi. "Nessuna creatura somiglia a te" ma è attraverso di Te che io amo ogni creatura, Tu dio-uomo, dio-donna, dio-amore. Un soffio di amore nella tua poesia. Nicola
  • Anonimo il 23/03/2009 19:13
    Apprezzata
  • tanya belletti il 23/03/2009 18:56
    grazie
  • Anonimo il 23/03/2009 18:47
    Bei versi
    Un saluto
    Contessa Lara
  • Anonimo il 23/03/2009 18:28
    Magnifica.
  • Vincenzo Capitanucci il 23/03/2009 18:25
    come un bimbo riposi in noi... fra le nostre maldestre braccia... incapaci di tanto Amore...

    Brava Tanya...
  • loretta margherita citarei il 23/03/2009 17:26
    bella, molto sentita. ma più di tutto è la sua resurrezione, la sua gloria

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0