PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il silenzio celestiale dal vello d’oro

La parola non detta
è la tragica parola

quante volte non pronunciata sotto le volte del Cielo

per pudore
pensando di avere un tempo indefinito nell’infinito essere Amore

è la voce muta saliente
del Silenzio

Viva
accarezzante le discendenze

mutante le nostre voci in Vita

porta di realizzate vivide speranze d’innamorati celestiali arpeggi nei divini appassionati cuori celesti

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anna G. Mormina il 24/03/2009 18:21
    '... pensando di avere un tempo indefinito nell’infinito essere Amore...'
    Quante volte avrei voluto dirle: "ti voglio bene"... non l'ho fatto,... ora non è più possibile, e ciò mi "pesa"...
    ... ad ogni tua poesia rifletto, grazie Vincenzo!
  • Anonimo il 23/03/2009 21:23
    Piaciuta
    Contessa Lara
  • Anonimo il 23/03/2009 21:19
    Bellissima Vincenzo, impareremo. Con ammirazione... Mario
  • Nicola Saracino il 23/03/2009 21:03
    Il pudore-amore è una parola... viva nel tempo, immortale come l'anima innamorata. N
  • cesare righi il 23/03/2009 21:02
    un silenzioin questa notte a 5 stelle
  • tanya belletti il 23/03/2009 20:59
    la voce del silenzio è profonda
    e le parole fanno solo rumore..
    molto bella
  • Donato Delfin8 il 23/03/2009 20:50
    POESIA! Bravo Vincè

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0