PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La lettera scolpita (22 marzo 2009)

Quanto una tragedia
con i suoi tentacoli
getta ghiaccio
su cuori in affanno
vulnerabili e indifesi...
e consuma
i colori dell'anima
sfibrando di dolore
slanci di amore.
Perfida ti precipita
nell'angolo dimenticato
da carezze amiche...
che diventano all'improvviso
ruvide mani pesanti
di inchiostro egoista...
l'aiuto
è un addio nelle promesse
come se le sole parole
potessero dar calore
alla tua fragilità
quando invece già muoiono
allontanandosi da te...
ingannevoli sguardi
di chi ti saluta
con il sorriso
di chi non vorrà mai più sentire
il suono del tuo pianto.
Arranchi così
nel deserto della fragilità...
dove ciascuno
prende una direzione diversa
per cercare la sua oasi..
ma perde se stesso
sfilacciando i legami
delle proprie radici...
qualcosa perderai
e te ne accorgerai
quando la difficoltà
bagnerà il tuo viso...
di amare lacrime
riflesse di solitudine.
Sei già crollato
e conosci bene il sapore
del lamento del sangue...
per aver paura
della sua precarietà...
allunghi così la tua mano
per catturare quel sogno
che respira di te
e coraggioso lotta...
contro trappole
di vili iene
con pupille di vetro.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Rik Forsenna il 27/03/2009 00:35
    Grazie Antonio!!!
  • antonio castaldo il 26/03/2009 22:30
    ti leggo ( dietro la tela-lo scrigno prezioso ) tanto... commento poco ma...
    questa è veramente bella... bella... bella. ciao.
  • Rik Forsenna il 25/03/2009 15:50
    Grazie tante Bruno & Sophie!!!
  • Anonimo il 25/03/2009 10:59
    Trovo sempre grande profondità in ogni tua opera... veramente bravissimo!!!
  • Anonimo il 24/03/2009 23:49
    Magnifica Rik, Bravissimo.
  • Rik Forsenna il 24/03/2009 20:07
    Grazie 1000 & + Loretta & Contessa (il quanto iniziale lo sentivo come domanda a me stesso di ''quanto'' appunto può essere a volte così pesante.. + di quello che si può immaginare, una tragedia)...
  • Anonimo il 24/03/2009 17:54
    L'oasi del sogno è l meta più ambita, quella che tutti possono raggiungere, dove non esistono trappole...
    Bellissimi versi

    PS Non mi suona, però il 'Quanto' iniziale...

    Un saluto
    Contessa Lara
  • loretta margherita citarei il 24/03/2009 17:36
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0