username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La casa di mio padre

È lì da sempre,
irta sul colle
a far da sentinella
alle terre di mio padre,
che lì la volle: salda sulla roccia.
Del suo cuor di pietra assai contenta
freme allo squittio dei passeri
e non paventa il turbinar del vento.
Quella è la mia casa,
avita, dove mio padre nacque
ed io e miei fratelli
e piacque alla mia cara madre
che vi passò la vita.
Anche se il sol non la rallegra assai
e l’ombra la ravvolge spesso,
vigila austera e nulla passa inosservato.
Lotta coi venti, annienta le tempeste
e quando il poggio è innevato
sorride nel saper passato
ancora un anno
e compiaciuta nota che nulla d’allora,
niente da sempre è mai cambiato.
Quella è la mia casa.
(2005)

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Maurizio Cortese il 25/04/2010 21:48
    La propria casa è sempre custode di tante vite e di tutte le loro vicissitudini, testimone muta dello scorrere dei giorni, apparentemente diversi ma in realtà sempre uguali, come spesso accade nei paesi dimenticati del meridione; Ugo Mastrogiovanni sa del pericolo di cadere nella trappola del facile sentimentalismo da fazzoletto e inanella, uno dopo l'altro, versi "quasi rocciosi", giocati tra lo sguardo oggettivo e la dovuta partecipazione emotiva.
  • Anonimo il 23/04/2010 22:35
    Stupenda.
  • Luigia R. T. il 25/04/2009 19:12
    La casa, come nodo di affetti, impersona ed attualizza un vissuto che più non è concretamente... eppure continua a riempire di sé cuore ed anima.
    Nostalgica e tenera... veramente molto molto bella!
  • Anna G. Mormina il 13/04/2009 18:40
    ... una casa che racciude sentimenti solidi!... molto bella!
  • Antonio Ereditario il 05/04/2009 20:45
    Una poesia sulla casa e quindi gli affetti. che bella!
  • gianluca riggi il 04/04/2009 14:09
    Veramente bella.
  • Marcelllo Barbuscio il 01/04/2009 18:18
    Dopo i genitori... la casa, la nostra casa, è il punto di riferimento di chi vuole avere una vita salda... con i piedi per terra. Nella sua semplicità... bellissima. Ciao Marcello
  • Dolce Sorriso il 31/03/2009 22:41
    tenera e bella
    smack
    Anna
  • sabrina pieraccioni il 30/03/2009 15:37
    è bellissima... l'ho vista nel mio cuore quella casa... grazie
  • Simone Sansotta il 28/03/2009 19:58
    Ma che meraviglia, mi piace molto come scrivi!
  • augusto villa il 27/03/2009 15:24
    Bella!!!... sisì!... davvero bella... Quella è la tua casa... ed è anche il tuo cuore!!!...
    L'ho trovata bella e commovente... Bravo davvero!... Ciao!
  • Anonimo il 27/03/2009 10:54
    è bello avere un luogo cui tornare, un posto che custodisce i nostri ricordi , i giochi dell'infanzia, uno spazio dove tutto è immutato.
    veramente bella
  • Maria Lupo il 25/03/2009 01:34
    Sì, è importante avere una casa che rispecchi il nostro passato e quello dei nostri genitori. Nella mia casa dell'infanzia purtroppo non abita più nessuno dei miei, da molto tempo. L'ultima, dove vive ancora qualcuno, sembra ricordare troppi dolori.
  • Anonimo il 24/03/2009 23:29
    Bellissima.
  • Michelangelo Cervellera il 24/03/2009 20:37
    Ricordi di calore mai sopiti, mai dimenticati, che ancor oggi fanno fremere il cuore.
    Molto piaciuta.
    Michelangelo
  • cesare righi il 24/03/2009 19:29
    sempre piacevole leggerti. Molto molto piaciuta
  • loretta margherita citarei il 24/03/2009 19:21
    bel ricordo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0