PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

morte dei sensi

Vivo in un mondo surreale,
dove si venera il Dio dell'ingiustizia.
L'inganno è l'ideale da raggiungere
e l'umiltà il male da distruggere.
Guardo da un vetro appannato ma non vedo,
sento discorsi impegnati ma non li ascolto,
percepisco odori fugaci ma non so riconoscerli.
Tutto è celato dall'oblio dell'indifferenza,
l'unico senso ancora vivo è quello della sopravvivenza.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Andrea Arvati il 05/03/2010 13:31
    già molto molto diretta. mi hai toccato veramente
  • Anonimo il 25/03/2009 20:30
    È vera. molto bella.
  • Anonimo il 24/03/2009 23:19
    Bellissima e vera.
  • Marika Rig il 24/03/2009 22:41
    Già, la sopravvivenza, oggi e vero che ci rimane solo quella, ma dobbiamo sempre fare del nostro meglio e riaccendere quei "sensi" che stanno andando perduti...
    Bella
  • Rodica Vasiliu il 24/03/2009 21:28
    È vero che il mondo è diventato indifferente ai dolori ed ai amori... ma dobbiamo imparare di nuovo a guardare in torno con gioia e speranza!!
    Bella e triste!! Ciao! R
  • Anonimo il 24/03/2009 21:12
    L'istinto alla sopravvivenza ci porta a trovare forze che non sapevamo di avere!!! Bravò!!!
  • loretta margherita citarei il 24/03/2009 20:33
    anche se non appare vi è l'amore, le cose brutte fanno notizia, le cose belle sono nascoste. bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0