PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il passero sul rovo

Se il mio soffrir servisse a dare pace,
al cuore tuo... che ormai non ne può più
immolerei il mio tempo all’infinito
per solo rivederti illuminata.
Perché mi è triste assai, più d’un dolore,
scoprirti indifferente al tempo tuo;
che non t’inganna, eppur se lento... passa,
segnandoti di più di quel ch’è giusto.
Di quali colpe ti reputi cattiva
per accettar passiva tal condanna
che ne natura o popular giuria
s’è mai sognato neppure di pensare?.
Ed anche se fosse amor
quel che ti lega a questo dispiacere, sottile e astuto,
pensa alla libertà che ancora è gravida,
di sogni arditi... dove si può rischiare.
Anche il passero lo sa che sopra al rovo,
il rischio di punture è assai costante;
e se a ricerca attenta... more amare,
librandosi in un volo... lascia il ramo.
Dio solo sa, se non vorrei che tu,
fossi per me la musa ispiratrice
ma gradirei d’aver la vena asciutta,
o scrivere di te... ma per felicità!.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 25/03/2009 22:48
    PIACIUTA
    Contessa Lara
  • Anonimo il 25/03/2009 21:41
    questa Marcello e' di una dolcezza incredibile.. rivela la persona che sei..
    anima pura e sensibile.. attenta e premurosa.. Mi piace pensare alla libertà che
    e ancora gravida di sogni arditi.. dove si può rischiare..
    un sorriso Marcello
  • Anonimo il 25/03/2009 21:01
    Bella.
  • loretta margherita citarei il 25/03/2009 20:54
    mi è piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0